Archivio

Posts Tagged ‘Marco Crestani’

PRIAMO – Quella solitudine immensa d’amarti solo io (di Paolo Pizzato)

logo PriamoPriamo è un progetto editoriale no-profit nato dal “sogno” di Emanuele Pettener docente di lingua e letteratura italiana a Florida Atlantic University (a Boca Raton in Florida) e di Marco Crestani, animatore culturale e copywriter.

Abbiamo chiesto ai responsabili di “Priamo” di raccontarci qualcosa riguardo alla linea editoriale.

A seguire, un estratto del romanzo Quella solitudine immensa d’amarti solo io di Paolo Pizzato

 * * *

A proposito della linea editoriale di Priamo…

(di Emanuele Pettener)

Priamo è un’associazione culturale nonché casa editrice no-profit. “Priamo”, in verità, è  un desiderio, fatto di desideri – di cultura, di storie, di libri, di persone. Intendiamo mettere il battaglione della tecnologia al servizio dei nostri ideali old-fashioned: proteggere la bellezza, ideare, promuovere, e condividere esperienze culturali, produrre libri meravigliosi per contenuto e forma (sian essi elettronici o di carta)  privilegiare gli autori: nessun’altro criterio ci guida se non la passione e l’entusiasmo per una storia mirabile raccontata con linguaggio mirabile – e l’ammirazione e la gratitudine per che le scrive.

Grazie alla collaborazione con Meligrana editore, i nostri  ebook nel giro di 24 ore saranno in tutti gli “store” italiani e i più importanti internazionali: e infatti raccoglieremo storie da tutto il mondo, raccontate in tutte le lingue. I nostri ebook, coltiviamo questa ambizione, cambieranno la mentalità italiana nei confronti degli ebook.

Il nostro sogno è che fra qualche tempo si riconosca Priamo come il luogo dove si può trovare quello che non si può trovare altrove – e non intendiamo solo i libri, le idee, gli eventi: come se, passeggiando, d’incanto scoprissimo un negozietto bizzarro mai notato prima, che sembra spuntare dal nulla, magicamente, e quando vi entriamo ci sentiamo subito a casa (oppure a Parigi o a New York, e magari negli anni Venti, ma a casa comunque) dove ogni oggetto sembra avere una storia da raccontarci, dove i gatti dormono in vetrina come divinità egizie, dove il proprietario ha una faccia simpatica e non ti fa nessuna pressione perché compri qualcosa, nemmeno indiretta, anzi dopo averti sorriso non lo vedi più, forse non è il proprietario, forse il proprietario sei tu, tanto che non si ha più voglia di andare a casa perché si teme che sparisca per sempre, perché in quel mondo ci si sente bene, fra gatti e libri e proprietari invisibili – perché  il mondo fuori sembra sospeso. Leggi tutto…

DALL’ALTOPIANO AL MAYUMBE, di Marco Crestani

Dall’Altopiano al Mayumbe, di Marco Crestani

“Decifrare la grafia mi è costato fatica, e probabilmente mai sarei riuscito a farcela se le parole scritte sulla carta non si fossero, per così dire, rivelate da sole.” (…)

Il racconto di Giuseppe è vivo, coinvolgente, profondo.

Tutto parte dalla scoperta di un taccuino-promemoria che ha più di cento anni e racconta la storia di Giuseppe che il 3 gennaio 1903 parte da contrà Tortima sull’Altopiano dei Sette Comuni e muore a Luki, in Congo Belga, il 27 agosto dell’anno successivo, dopo aver attraversato due volte l’Oceano Atlantico: la prima, dal porto di Genova fino a quello di Buenos Aires; la seconda, dall’Argentina al Sudafrica. In seguito, puntando verso nord, arriverà fin dentro il “cuore di tenebra” del continente africano dove morirà di febbre gialla.

E’ una testimonianza importante perché riguarda un continente come l’Africa, ancor oggi estraneo alla  cultura del mondo occidentale. Un uomo dell’Altopiano dei Sette Comuni (lo stesso di Mario Rigoni Stern e di Tönle Bintarn…) che porta a termine la sua vita laggiù, fuori dal mondo, è cosa rara da sentire, a parte alcune testimonianze, ma di altro tono, che sono quelle dei missionari.

“Dall’Altopiano al Mayumbe”  ha il merito di aver dato voce a un uomo ormai scomparso alla sua patria che ora, grazie a queste pagine di Marco Crestani, edite dalle edizioni Meligrana, viene recuperato.

C’è da augurarsi che questa storia venga resa largamente nota e che la scuola si faccia mediatrice della sua conoscenza.

* * *

Marco Crestani, storico e blogger, ha scritto, sempre per Meligrana editore, Dyane 6 in viaggio, L’attualità di Sofia e Cercando dove l’acqua è più profonda. Oltre a scrivere racconta alla radio di vite letterarie e di racconti di viaggio e avventura.
Leggi tutto…