Archivio

Posts Tagged ‘Premio STrega 2015’

È NICOLA LAGIOIA IL VINCITORE DEL PREMIO STREGA 2015

È NICOLA LAGIOIA IL VINCITORE DEL PREMIO STREGA 2015

La trasmissione andata in onda ieri su Rai3 è disponibile online cliccando qui

Roma, 2 luglio 2015. Come da tradizione al Ninfeo di Villa Giulia a Roma, dopo la mezzanotte del 2 luglio, è stato proclamato il vincitore del sessantanovesimo Premio Strega. Al termine dello scrutinio dei 368 voti espressi (pari all’80,21% degli aventi diritto al voto; 276 voti online e 92 cartacei e 1 scheda nulla) il Presidente di seggio Francesco Piccolo, vincitore del Premio Strega 2014, e Tullio De Mauro, presidente della Fondazione Bellonci, hanno proclamato vincitore:

Premio Strega Nicola LagioiaLa ferocia (Einaudi) di Nicola Lagioia, con voti 145

L’autore ha ricevuto da Giuseppe D’Avino, amministratore delegato di Strega Alberti Benevento, il premio di 5.000 euro e la classica bottiglia formato magnum di Liquore Strega. Gli altri libri finalisti hanno totalizzato i seguenti voti:

La sposa (Bompiani) di Mauro Covacich, voti 89

Storia della bambina perduta (e/o) di Elena Ferrante, voti 59

Chi manda le onde (Mondadori) di Fabio Genovesi, voti 37

Come donna innamorata (Guanda) di Marco Santagata, voti 37

L’esito della votazione è emerso dalle preferenze espresse degli Amici della Domenica, il corpo votante storico del premio, ai quali si aggiungono 60 lettori forti selezionati ogni anno da librerie indipendenti italiane associate all’ALI e 15 voti collettivi espressi da scuole, università e Istituti Italiani di Cultura all’estero, per un totale di 460 aventi diritto.

finalisti premio strega 2

Le preferenze dei voti collettivi sono state così espresse:

–        le 44 scuole italiane e straniere del Premio Strega Giovani hanno espresso la loro preferenza perFabio Genovesi;

–        i comitati italiani e stranieri della Società Dante Alighieri (Benevento, Reggio Emilia, Roma, Praga e Tirana) hanno votato per Elena Ferrante;

–        la Karl Franzens-Universität di Graz ha votato per Elena Ferrante;

–        gli Istituti Italiani di Cultura hanno votato: Fabio Genovesi (Amburgo); Marco Santagata (Atene); Elena Ferrante (Edimburgo), Fabio Genovesi (Helsinki); Nicola Lagioia (Los Angeles); Elena Ferrante (Montréal); Fabio Genovesi (San Paolo), Mauro Covacich (Tokyo); Marco Santagata (Stoccolma); Mauro Covacich (Strasburgo); Elena Ferrante (Vilnius);  Mauro Covacich (Zagabria);

–     La Casa Circondariale di Porto Azzurro ha votato per:  Fabio Genovesi

Nel corso della serata, il vincitore della seconda edizione del Premio Strega Giovani Fabio Genovesi è stato premiato da Giuseppe Gori, vice presidente di Unindustria, con un assegno di 3.000 euro. Leggi tutto…

LA FINALE DEL PREMIO STREGA 2015 – 2 luglio

 DOPPIO APPUNTAMENTO PER LA FINALE DEL PREMIO STREGA 2015

Rush finale per la LXIX edizione del Premio Strega, promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Liquore Strega con il sostegno di Roma Capitale, Unindustria – Unione degli Industriali e delle Imprese Roma Frosinone Latina Rieti Viterbo.

PremioStregaCinquina

In attesa della serata al Ninfeo di Villa Giulia giovedì 2 luglio, che proclamerà il vincitore fra i cinque finalistiMauro Covacich con La sposa (Bompiani), Elena Ferrante con Storia della bambina perduta (e/o), Fabio Genovesi con Chi manda le onde (Mondadori), Nicola Lagioia con La ferocia (Einaudi) e Marco Santagata con Come donna innamorata (Guanda), mercoledì 1 luglio in Casa Bellonci sarà annunciato il vincitore della seconda edizione del Premio Strega Europeo, riconoscimento con cui la Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, insieme alla Casa delle Letterature, Letterature Festival Internazionale di Roma e con la Rappresentanza in Italia della Commissione Europea rende omaggio alla cultura del vecchio continente ai suoi legami con il nostro Paese. La premiazione avverrà giovedì 2 luglio nel corso della finale del Premio Strega, con la consegna da parte del direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea Lucio Battistotti di un assegno di 3.000 euro.

Giovedì 2 luglio al Ninfeo di Villa Giulia, dalle ore 21, grande serata conclusiva per la LXIX edizione del Premio Strega.

Collegamento permanente dell'immagine integrata
Leggi tutto…

I CINQUE FINALISTI DEL PREMIO STREGA 2015

I CINQUE FINALISTI DEL PREMIO STREGA 2015

Conclusosi lo spoglio dei voti in Casa Bellonci, ecco la cinquina dei finalisti all’edizione 2015 del Premio Strega (qui l’elenco dei dodici libri selezionati):

Collegamento permanente dell'immagine integrata

1. La ferocia (Einaudi) di Nicola Lagioia (182 voti)
Presentato da Alberto Asor Rosa e Concita De Gregorio

2. La sposa (Bompiani) di Mauro Covacich (157 voti)
Presentato da Dacia Maraini e Sandro Veronesi

3. Storia della bambina perduta (e/o) di Elena Ferrante  (140 voti)
Presentato da Serena Dandini e Roberto Saviano

4. Chi manda le onde (Mondadori) di Fabio Genovesi (123 voti)
Presentato da Silvia Ballestra e Diego De Silva

5. Come donna innamorata (Guanda) di Marco Santagata  (119 voti)
Presentato da Salvatore Silvano Nigro e Gabriele Pedullà

PremioStregaCinquina

Come sempre Casa Bellonci è stata gremita da molti degli Amici della domenica, il corpo elettorale del premio, eredi di un rito che si ripete solennemente da quasi settant’anni. Quest’anno per la prima volta i giurati sono stati chiamati a esprimere 3 preferenze. Al termine dello spoglio dei voti arrivati nella giornata di oggi (403 su 460 votanti, pari all’87,6%; 2 schede bianche), il presidente di seggio Francesco Piccolo, vincitore del Premio Strega 2014, ha descritto l’andamento dei voti pervenuti per via telematica nelle settimane precedenti.

I voti degli altri candidati esclusi dalla seconda votazione del 2 luglio:

Via Ripetta 155 (Giunti) di Clara Sereni con voti 104

Il genio dell’abbandono (Neri Pozza) di Wanda Marasco con voti 93

Dimentica il mio nome (Bao Publishing) di Zerocalcare con voti 70

Se mi cerchi non ci sono (Manni) di Marina Mizzau con voti 66

Il paese dei coppoloni (Feltrinelli) di Vinicio Capossela con voti 59

XXI Secolo (Neo) di Paolo Zardi con voti 50

Final Cut (Fandango) di Vins Gallico con voti 43

Questo risultato comprende i voti dei 385 Amici della Domenica, il corpo votante storico del premio, ai quali si aggiungono 60 lettori fortiselezionati ogni anno da librerie indipendenti italiane associate all’ALI e 15 voti collettivi espressi da scuole, università e Istituti Italiani di Cultura all’estero, per un totale di 460 aventi diritto.

Le preferenze dei voti collettivi sono state così espresse:

–      le 44 scuole italiane e straniere del Premio Strega Giovani hanno espresso la loro preferenza per Fabio Genovesi, Elena Ferrantee Zerocalcare;

–      i comitati italiani e stranieri della Società Dante Alighieri (Benevento, Reggio Emilia, Roma, Praga e Tirana) hanno votato perVinicio Capossela, Mauro Covacich ed Elena Ferrante;

–      la Karl Franzens-Universität di Graz ha votato per Vinicio Capossela, Elena Ferrante e Zerocalcare;

–      gli Istituti Italiani di Cultura hanno votato: Elena Ferrante, Vins Gallico, Fabio Genovesi (Amburgo); Fabio Genovesi, Marina Mizzau, Paolo Zardi (Atene); Elena Ferrante, Nicola Lagioia, Paolo Zardi (Edimburgo), Mauro Covacich, Vins Gallico, Fabio Genovesi (Helsinki); Nicola Lagioia, Marina Mizzau, Paolo Zardi (Los Angeles); Elena Ferrante, Fabio Genovesi, Wanda Marasco (Montréal); Elena Ferrante, Fabio Genovesi, Nicola Lagioia (San Paolo), Mauro Covacich, Marco Santagata, Zerocalcare (Tokyo); Vins Gallico, Marco Santagata, Paolo Zardi (Stoccolma); Nicola Lagioia, Marina Mizzau, Paolo Zardi (Strasburgo); Mauro Covacich, Elena Ferrante, Paolo Zardi (Vilnius);  Mauro Covacich, Elena Ferrante, Paolo Zardi (Zagabria);

–     La Casa Circondariale di Porto Azzurro ha votato per: Elena Ferrante, Fabio Genovesi, Marina Mizzau

La serata è stata trasmessa in diretta streaming, realizzata da Rai Letteratura, sulla piattaforma di live streaming di Rai Cultura all’indirizzo www.cultura.rai.it/live e sul sito www.premiostrega.it.

Prima della seconda votazione i finalisti del Premio Strega 2015 presenteranno il 17 giugno i loro libri all’Istituto Italiano di Cultura diStrasburgo, mentre il 20 e il 21 giugno saranno ospiti a San Benedetto del Tronto e dal 26 al 28 giugno saranno a Cervo per la seconda edizione di Cervo ti Strega.  

La proclamazione del vincitore avverrà nel Ninfeo di Villa Giulia giovedì 2 luglio, dalle ore 21. Al termine della votazione si procederà allo scrutinio dei voti, puntualmente registrato sulla storica lavagna che troneggia sul palco ad ogni finale del Premio.

Leggi tutto…

PREMIO STREGA 2015: i dodici libri selezionati

PREMIO STREGA 2015: i dodici libri selezionati

Roma, 16 aprile 2015. Il Comitato direttivo del Premio Strega, promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Liquore Strega con il patrocinio di Roma Capitale e il sostegno di Unindustria – Unione delle Imprese e degli Industriali di Roma Frosinone Latina Rieti Viterbo, ha selezionato i dodici libri che si disputeranno la sessantanovesima edizione tra i 26 presentati lo scorso 3 aprile dagli Amici della domenica:

  1. Il paese dei coppoloni (Feltrinelli) di Vinicio Capossela  

Presentato da Eva Cantarella e Gad Lerner

  1. La sposa (Bompiani) di Mauro Covacich

Presentato da Dacia Maraini e Sandro Veronesi

  1. Storia della bambina perduta (e/o) di Elena Ferrante  

Presentato da Serena Dandini e Roberto Saviano

  1. Final cut (Fandango) di Vins Gallico

Presentato da Renato Minore e Luca Ricci

  1. Chi manda le onde (Mondadori) di Fabio Genovesi

Presentato da Silvia Ballestra e Diego De Silva

  1. La ferocia (Einaudi) di Nicola Lagioia

Presentato da Alberto Asor Rosa e Concita De Gregorio

  1. Il genio dell’abbandono (Neri Pozza) di Wanda Marasco  

Presentato da Francesco Durante e Silvio Perrella

  1. Se mi cerchi non ci sono (Manni) di Marina Mizzau

Presentato da Umberto Eco e Angelo Guglielmi

  1. Come donna innamorata (Guanda) di Marco Santagata  

Presentato da Salvatore Silvano Nigro e Gabriele Pedullà

  1. Via Ripetta 155 (Giunti) di Clara Sereni

Presentato da Massimo Onofri e Domenico Starnone

  1. XXI Secolo (Neo) di Paolo Zardi

Presentato da Giancarlo De Cataldo e Valeria Parrella

  1. Dimentica il mio nome (Bao Publishing) di Zerocalcare  

Presentato da Daria Bignardi e Igiaba Scego

 

Il Comitato direttivo del Premio – presieduto da Tullio De Mauro e composto da Valeria Della Valle, Giuseppe D’Avino, Simonetta Fiori,Alberto Foschini, Paolo Giordano, Enzo Golino, Giuseppe Gori, Giovanna Marinelli, Melania G. Mazzucco, Edoardo Nesi, Luca Serianni, Maurizio Stirpe – ha selezionato i dodici libri in gara. “Constatiamo che in molti libri emerge in maniera originale ed efficace la drammaticità delle nostre vite e dei tempi in cui viviamo. E’ stato difficile scegliere e lasciare fuori autori e libri interessanti”, dichiara Tullio De Mauro, presidente del Comitato direttivo e della Fondazione Bellonci, che aggiunge: “Abbiamo avuto la chiara percezione che il nuovo sistema di votazione abbia restituito fiducia a molti autori pubblicati da editori medio-piccoli”.

I giurati potranno votare i libri concorrenti sul sito del premio www.premiostrega.it con un sistema sicuro e anonimo, o con il voto tradizionale effettuato tramite la scheda cartacea che possono ritirare solo al seggio al momento del voto. Da quest’anno, inoltre, un’importante novità nel regolamento riguarda il meccanismo di voto per la Cinquina dei finalisti: i giurati nella prima votazione dovranno esprimere la loro preferenza per tre dei dodici libri in concorso, non più per uno solo.

La presentazione ufficiale dei 12 candidati è in programma giovedì 30 aprile alle ore 18 al Teatro San Marco di Benevento. La prima votazione si terrà come di consueto in Casa Bellonci, sede della Fondazione, dove sarà effettuato, mercoledì 10 giugno, lo spoglio dei voti degli Amici della Domenica, ai quali si aggiungono: 60 lettori forti selezionati ogni anno da librerie indipendenti italiane e 15 voti collettivi espressi da scuole, università e Istituti Italiani di Cultura all’estero, per un totale di 460 aventi diritto. La seconda votazione e la proclamazione del vincitore avverranno nel consueto scenario del Ninfeo di Villa Giulia giovedì 2 luglio. Leggi tutto…

PREMIO STREGA 2015: sono 26 i libri presentati

PREMIO STREGA 2015: sono 26 i libri presentati 

La Fondazione Bellonci comunica che all’edizione 2015 del Premio Strega sono state ufficialmente candidate le seguenti opere.

 

Roma, 3 aprile 2015. Con la chiusura delle candidature prende il via il LXIX Premio Strega, promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Liquore Strega con il patrocinio di Roma Capitale e il sostegno di Unindustria – Unione delle Imprese e degli Industriali di Roma Frosinone Latina Rieti Viterbo. Sono 26 le opere presentate dagli Amici della domenica, lo storico corpo votante che dal 1947 attribuisce il riconoscimento a un libro di narrativa italiana pubblicato tra il 1° aprile dell’anno precedente e il 31 marzo dell’anno in corso.

Questi i libri presentati:

  1. Stalin + Bianca (Tunué) di Iacopo Barison

Presentato da Fulvio Abbate e Roberto Ippolito

  1. Non sono un assassino (Newton Compton) di Francesco Caringella  

Presentato da Raffaele Nigro e Sergio Santoro

  1. Il paese dei coppoloni (Feltrinelli) di Vinicio Capossela

Presentato da Eva Cantarella e Gad Lerner

  1. Il dolore del mare (Nutrimenti) di Alberto Cavanna

Presentato da Giuliano Montaldo e Ferruccio Parazzoli

  1. La sposa (Bompiani) di Mauro Covacich

Presentato da Dacia Maraini e Sandro Veronesi

  1. I Nuovi Venuti (Clichy) di Giorgio Dell’Arti

Presentato da Corrado Augias e Giuseppe De Rita

  1. Storia della bambina perduta (e/o) di Elena Ferrante

Presentato da Serena Dandini e Roberto Saviano

  1. Final cut (Fandango) di Vins Gallico

Presentato da Renato Minore e Luca Ricci

  1. Chi manda le onde (Mondadori) di Fabio Genovesi

Presentato da Silvia Ballestra e Diego De Silva

  1. 24:00:00 (Il Foglio) di Federico Guerri

Presentato da Simonetta Bartolini e Wilson Saba

  1. La ferocia (Einaudi) di Nicola Lagioia

Presentato da Alberto Asor Rosa e Concita De Gregorio

  1. La meteora di luglio (Biblioteca dei Leoni) di Adriano Lo Monaco

Presentato da Maurizio Cucchi e Paolo Ruffilli

  1. Monte Sardo (Rubbettino) di Dante Maffia

Presentato da Paolo Ferruzzi e Luciano Luisi

  1. Il genio dell’abbandono (Neri Pozza) di Wanda Marasco

Presentato da Francesco Durante e Silvio Perrella

  1. Don Riccardo (Mursia) di Loredana Micati

Presentato da Angela Padellaro e Roberto Zaccaria

  1. Se mi cerchi non ci sono (Manni) di Marina Mizzau

Presentato da Umberto Eco e Angelo Guglielmi

  1. Gli amici che non ho (Codice) di Sebastiano Mondadori

Presentato da Antonio Pascale e Lorenzo Pavolini

  1. La Repubblica di Santa Sofia (Tullio Pironti) di Pietro Paolo Parrella

Presentato da Bruno Luiselli e Marcello Rotili

  1. L’estate del cane bambino (66thand2nd) di Mario Pistacchio e Laura Toffanello  

Presentato da Antonella Sabrina Florio e Luca Nicolini

  1. Come donna innamorata (Guanda) di Marco Santagata

Presentato da Salvatore Silvano Nigro e Gabriele Pedullà

  1. Sans blague (Nulla die) di Eugenio Sbardella  

Presentato da Bruno Cagli e Vittorio Emiliani

  1. Via Ripetta 155 (Giunti) di Clara Sereni

Presentato da Massimo Onofri e Domenico Starnone

  1. I dirimpettai (Baldini&Castoldi) di Fabio Viola

Presentato da Piero Gelli e Filippo La Porta

  1. Autunnale (Book Sprint) di Dario Voltolini

Presentato da Michele Mari e Paola Mastrocola

  1. XXI Secolo (Neo) di Paolo Zardi

Presentato da Giancarlo De Cataldo e Valeria Parrella

  1. Dimentica il mio nome (Bao Publishing) di Zerocalcare

Presentato da Daria Bignardi e Igiaba Scego

Il Comitato direttivo del Premio – presieduto da Tullio De Mauro e composto da Valeria Della Valle, Giuseppe D’Avino, Simonetta Fiori,Alberto Foschini, Paolo Giordano, Enzo Golino, Giuseppe Gori, Giovanna Marinelli, Melania G. Mazzucco, Edoardo Nesi, Luca Serianni, Maurizio Stirpe – si riunirà giovedì 16 aprile per selezionare tra le proposte degli Amici della domenica i dodici libri che si disputeranno la sessantanovesima edizione. Leggi tutto…

LE NUOVE REGOLE DEL PREMIO STREGA

LE NUOVE REGOLE DEL PREMIO STREGA

Roma, 24 febbraio 2015. Cambia il regolamento del Premio Strega, il riconoscimento promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Liquore Strega con il patrocinio di Roma Capitale e il sostegno di Unindustria (Unione delle Imprese e degli Industriali di Roma Frosinone Latina Rieti Viterbo). Nuovo meccanismo di voto, salvaguardia dei piccoli e medi editori, spazio agli autori stranieri che scrivono in italiano e alle diverse forme di narrazione: pluralità, bibliodiversità e accoglienza sono le parole che riassumono lo spirito delle norme introdotte dal Comitato direttivo del Premio, che si è riunito lunedì 23 febbraio.

“In un panorama librario che muta seguendo i tempi, con un’offerta in continua ridefinizione, modalità di lettura e fruizione dei libri inedite e nuove forme di autorialità, è fondamentale continuare a garantire una pluralità di voci e idee, salvaguardando quelle specificità e differenze che costituiscono la ricchezza del mercato editoriale italiano”, dichiara il presidente del Comitato Tullio De Mauro.

La prima importante novità nel regolamento riguarda il meccanismo di voto per la Cinquina dei finalisti: i giurati del Premio – gli Amici della domenica, lo storico corpo elettorale di 400 donne e uomini di cultura, ai quali si aggiungono sessanta lettori forti che ruotano ogni anno e quindici gruppi di lettura costituiti da scuole, università e Istituti Italiani di Cultura all’Estero – nella prima votazione dovranno esprimere la loro preferenza per tre dei dodici libri in concorso, non più per uno solo. Grazie all’introduzione di questa regola, aumenterà il numero di voti necessario per accedere alla finale, delineando un giudizio più meditato e attendibile.

La seconda innovazione istituisce una clausola di salvaguardia che favorisce la presenza nella Cinquina dei piccoli e medi editori, assumendo la bibliodiversità come valore in sé e riconoscendo l’opera di promozione degli autori emergenti e della letteratura di ricerca condotta da questo importante segmento di mercato (pari a circa il 40%). Se nella Cinquina non sarà compreso almeno un libro pubblicato da un editore medio-piccolo, si procederà all’inclusione di quel libro – o, in caso di ex aequo, quei libri – che avrà ottenuto il maggior numero di voti, determinando così una finale a sei o più candidati.

Un altro cambiamento importante consiste Leggi tutto…

ELENA FERRANTE accetta la candidatura al PREMIO STREGA

Sulle pagine del quotidiano la Repubblica, ELENA FERRANTE accetta la candidatura al PREMIO STREGA proposta da ROBERTO SAVIANO in coppia con SERENA DANDINI

Nei giorni scorsi avevamo sottolineato l’intervento di Roberto Saviano sulle pagine del quotidiano la Repubblica del 21 febbraio in cui lanciava la candidatura di Elena Ferrante al Premio Strega 2015 (con il quarto volume della serie de “L’Amica geniale“). Alla proposta di Saviano si era aggiunta quella di Serena Dandini (come secondo “Amico della domenica” disponibile a candidare il libro).
La risposta di Elena Ferrante giunge oggi (24 febbraio) sempre sulle pagine del quotidiano la Repubblica.

Caro Roberto Saviano“, esordisce la Ferrante “permettimi di andare subito al nocciolo della questione. Proporre la candidatura dell’Amica geniale al premio Strega è un tuo diritto di lettore e di Amico della domenica. Esercitalo pure, quindi, il libro è stato pubblicato apposta perché chiunque ne faccia l’uso e l’abuso che vuole. Più di venti anni fa un altro mio testo, L’amore molesto fu candidato a quello stesso premio e ci andò senza problemi“.
Nella sua lettera la Ferrante espone il suo pensiero sul ruolo dei libri, dopo che vengono dati alle stampe: “I miei libri, quando non sono rimasti nello spazio privatissimo del cassetto, possono andare dovunque li vogliano i lettori, l’essenziale è che io non debba andare con loro. Non li porto al guinzaglio, e al guinzaglio non mi lascio portare. Ci siamo separati definitivamente con la pubblicazione. E pubblicandoli ho consentito ad esporli al mondo nel bene e nel male. (…) Stimo te e i tuoi libri, sono contenta che tu abbia letto uno dei miei e che voglia schierarlo in una minuscola battaglia culturale, ma è inutile chiedermi il permesso“.
Nel corso della lettera, la Ferrante – di fatto – si dichiara favorevole alla candidatura del libro. “Tu giustamente non parli né di cinquina né di vittoria“, scrive rivolgendosi a Saviano, “ma di ‘sparigliare le carte’, espressione da tavolo da gioco che mi attrae“.

L’intera lettera della Ferrante è disponibile su Repubblica.it

Intanto, a partire da quest’anno (e proprio a salvaguardia dei piccoli e medi editori) entrano in vigore nuove regole per il Premio Strega.

Leggi tutto…