Archivio

Posts Tagged ‘Vito Cioce’

Radio 1 Plot Machine di lunedì 4 giugno (ospite Massimo Maugeri)

Il sito del programma radiofonico – La pagina Facebook

Leggi tutto…

DIAMOCI UN TONER – intervista a Vito Cioce

DIAMOCI UN TONER – Storia di un non libro (Alter Ego edizioni) – intervista a Vito Cioce

di Massimo Maugeri

Vito Cioce’s brother, autore di “Diamoci un toner” (Alter Ego edizioni), sostiene – appunto – di essere fratello di Vito Cioce (qui l’intervista incentrata sul programma Radio1 Plot Machine). Ecco cosa scrive riferendosi al fratello…

Lui fa il giornalista, nel senso che mi manda a pagare la tassa del tesserino dei Giornalisti. La paga da più di trent’anni, da quando entrò a “Il Tempo”, il giornale che sta a Roma, a piazza Colonna, all’angolo del Governo, per capirci. Lui è nato a casa, a Bari, nel 1961. Io dopo, quando quello era venuto a Roma già dall’82 per pigliarsi la laurea in Storia.
Sono 25 anni che sta alla Radio della Rai. Prima parlava al Babuino di piazza del Popolo. Dopo il 21,4% di un secolo passato dall’alba dentro a Saxa Rubra, ’st’imbecille c’aveva pure la scrivania da Vice Direttore del Giornale Radio e che ha fatto? L’ha mollata! Mo’ il lunedì sera guida un format (non lo sa, poveretto, ma si dice così) per le storie che fa scrivere agli altri. L’ha chiamato “Radio1 Plot Machine”, lui che non sa manco come si gioca alla slot machine. Ma c’ha la fissa dell’Inedito che non gliela toglie nessuno. ’Na volta, sempre sopra a Radio1, faceva “Tramate con noi” e poi pure “Storie di Piazza”. La meglio è stata “Facciamo Storie”. Mi ha fregato il titolo. Dovevo chiamarlo così ’sto non-libro. Ma poi sai com’è, io sono io. E allora “Diamoci un toner”.

– Caro Vito, la prima impressione che si prova a leggere il tuo libro è che tu abbia provato gusto nello sdoppiarti. Come ti trovi nel ruolo di alter ego di te stesso?
Caro Massimo, per me è stata una necessità. I miei amici Enrico Valenzi e Paolo Restuccia della Scuola Omero, che ho frequentato, sostengono che io renda meglio scrivendo in prima persona. Io non ero convinto perché detesto stare al centro dell’attenzione e mai avrei parlato di me dicendo “io….”.  Con il mio fratello immaginario ho trovato la soluzione a questo dilemma.
Come tu sai,  il gioco del “doppio” nella letteratura vera ha origini antiche e non ha mai avuto periodi di crisi. Tutto sta a trovare la chiave giusta per esprimere qualcosa di nuovo che interessi e catturi il lettore.

– Facciamo un passo indietro e partiamo dalle origini. Parlaci di questa “Storia di un non-libro” (è questo il sottotitolo). Come nasce “Diamoci un toner”? Leggi tutto…

RADIO 1 PLOT MACHINE (le nuove puntate)

Segnaliamo l’avvio delle nuove puntate di RADIO 1 PLOT MACHINE, a partire da stasera in diretta su Rai Radio 1 dalle 23:05 (e per ogni lunedì alla stessa ora)

In queste nuove puntate Vito Cioce (ideatore, curatore e conduttore del programma) sarà affiancato dalla scrittrice Valeria De Luca

Un format innovativo, interattivo e multimediale. Da una parte il Concorso Ufficiale con i racconti inediti a tema. Due opere in gara ogni settimana, interpretate dalle voci del Gr e di Radio1. Vince la puntata il racconto che ottiene il maggior numero di “Mi piace” (non meno di 100) sulla fanpage Facebook. In palio la pubblicazione nell’e-book di Rai Eri. Dall’altra la nuova gara del Miniplot. Lo scrittore o la scrittrice lancia un incipit letterario preso dal testo di un romanzo e invita gli ascoltatori a scrivere un epilogo di poche righe in modo da ottenere un “miniplot” da inviare attraverso gli sms al numero 335/6992949 e/o alla pagina Facebook del programma.

di Massimo Maugeri

Sono davvero lieto di poter segnalare l’avvio di questa nuova serie di puntate di Radio 1 Plot Machine. Vito Cioce (che ho avuto modo di intervistare tempo fa) fa sarà affiancato dalla scrittrice Valeria De Luca. Questa novità mi fa particolarmente piacere, giacché Valeria è stata “scoperta” da Radio 1 Plot Machine proprio grazie a Letteratitudine in seguito della pubblicazione di questa recensione del suo romanzo “Respira” (Ianerì edizioni) firmata dal critico letterario Giuseppe Giglio.

Ho chiesto a Valeria De Luca di raccontarci cosa significa per lei partecipare a Radio 1 Plot Machine

Per me significa tre cose, caro Massimo“, mi dice Valeria. “La prima: giocare con le parole. Questo programma permette a tutti di avvicinarsi alla letteratura senza timore reverenziale, con la massima naturalezza, giocando. E il gioco, lo sappiamo, è lo strumento più potente e più istintivo che abbiamo per crescere. Così, nel buio di una sala radio, e della notte che divide le case, in una riunione quasi carbonara, nuotando dentro onde invisibili, oltre 100.000 persone si sintonizzano e sprofondano nella magia della scrittura. Poche righe – il miniplot appunto (oltre il racconto da 1.500 caratteri) – con la sola ma incredibile ambizione di “creare”, cioè di moltiplicare la vita. Ecco, basterebbe questa magia e avrei già risposto in eccesso, Massimo! Ma c’è un secondo motivo. La diretta. La paura della diretta. La mia paura. E questa aumenta la magia, perché è vero che non si cresce senza paura! Così anch’io, come gli ascoltatori, mi metto in gioco per creare, non un miniplot ma le condizioni perché altri possano svolgerlo. Contribuisco ad allestire un piccolo palcoscenico ideale, un set che sa più di casa, di teatro di soffitta che non di area metropolitana. Intimo. Splendido. Ultima ragione – last but not least – poter imparare la diretta da un “maestro” del giornalismo come Vito Cioce, che ringrazio molto per l’opportunità di vita, innanzitutto. Accordare esperienza e semplicità, ma anche notorietà e generosità, uno stile preciso eppure uno sguardo aperto, democratico, non è facile. E invece, lui lo fa“. Leggi tutto…

A PROPOSITO DI RADIO: intervista a Vito Cioce

A PROPOSITO DI RADIO: intervista a Vito Cioce

di Massimo Maugeri

Sono molto felice di poter discutere di radio con un maestro come Vito Cioce, viceDirettore del Giornale Radio e di Radio1 dal 2009 al 2012, nonché autore e conduttore su Radio1 di programmi celebri tra cui “Tramate con noi”, “Facciamo storie”, “Storie di piazza”, “Il baco del millennio”.
Tra le altre cose, Vito Cioce è il conduttore (insieme a una “partner letteraria” d’eccezione, di cui discuteremo nel corso di questa intervista online) del più importante programma radiofonico dedicato alla scrittura: Radio1 Plot Machine, in onda il lunedì alle 23:05.

– Caro Vito, come nasce il tuo amore per la radio?
E’ stato un amore nato per caso, almeno a livello professionale. Sin da quando ero un ragazzino, non mi perdevo mai Radiosera, il Giornale Radio delle 19.30 sul secondo canale. Lo ascoltavamo in silenzio, come un rito collettivo, dal barbiere dove la sera accompagnavo mio padre quando finiva la sua giornata di lavoro. E ricordo che uscivo di corsa da scuola nel week-end per tornare in tempo a casa. Il venerdì per Hit Parade, con il maestro Lelio Luttazzi, e il sabato per La Corrida, con un grande conduttore come Corrado che poi  ho avuto la fortuna di conoscere di persona e intervistare per Il Tempo. Il mio primo amore da aspirante-giornalista. Allora era un autorevole quotidiano indipendente, dove ho avuto la fortuna di cominciare la gavetta per uno stage estivo nella Redazione Province (allora ci chiamavano borsisti) mentre studiavo ancora all’Università. Dentro Palazzo Wedekind, a Piazza Colonna, ho passato otto, indimenticabili, anni di vera scuola del mestiere con Gianni Letta, Gaspare Barbiellini Amidei e Franco Cangini come direttori. Arrivare prima degli altri sui luoghi degli eventi. Comprendere con l’osservazione dei particolari, le fonti e l’aiuto dei fotografi che cosa era successo. E al ritorno scrivere per farlo capire a chi ci avrebbe letto. Questa fu la lezione che mi diedero appena entrato. Ci sentivamo una grande famiglia e una squadra sempre più compatta nei confronti di chi puntava al suo ridimensionamento. E proprio lì avrei conosciuto una collega che sarebbe diventata la madre dei miei due figli, Costanza e Lorenzo.

Raccontaci qualcosa dei tuoi inizi alla Rai… Leggi tutto…

LETTERATITUDINE a RADIO 1 PLOT MACHINE

LETTERATITUDINE a RADIO 1 PLOT MACHINE del 13 ottobre 2014

Radio1 Plot MachineSi parlerà anche di Letteratitudine nel corso della puntata del 13 ottobre di Radio 1 Plot Machine.
La trasmissione, condotta da Vito Cioce insieme a Tea Ranno, sarà in onda a partire dalle 23.05. Si giocherà in diretta su Radiouno Rai con il Miniplot e verranno ascoltati gli ultimi due racconti sul tema IL SUPERMERCATO.
Poi dalla settimana successiva LE SCARPE saranno protagoniste delle opere inviate al sito www.plot.rai.it. per il Concorso Ufficiale. In palio,  la pubblicazione sull’ebook di Rai Eri e Libri Mondadori.
Leggi tutto…