Home > Articoli e varie > LA FOLLA NELLA CITTÀ DEI SOGNI (speciale Lucca Comics and Games 2013)

LA FOLLA NELLA CITTÀ DEI SOGNI (speciale Lucca Comics and Games 2013)

novembre 5, 2013

SPECIALE LUCCA COMICS & GAMES 2013 (Parte I)

Lucca Comics&Games supera il record di affluenze: più cinema, musica e cosplay e quattro anniversari da festeggiare. Letteratitudine intervista cinque maestri del fumetto, a partire dall’uomo che ha creato il volto mascherato della contestazione mondiale: David Lloyd di V for Vendetta.

dal nostro inviato Furio Detti

I numeri di un’edizione che batte il record del 2012 con oltre 200mila presenze in 4 giorni (dal 31 ottobre al 3 novembre) parlano da soli e confermano la rilevanza di Lucca come primo festival europeo dedicato al fumetto e al mondo ludico, con lo sviluppo della sezione Movie, al suo secondo anno di vita. Lo sottolineano le parole di Renato Genovese, direttore artistico: «È solo grazie ad uno staff di collaboratori esperti, seri e motivati che si raggiungono certi traguardi, e questo forse sarebbe un modello da imitare nella progettazione e nella realizzazione di altri eventi lucchesi. È una professionalità maturata sul campo, unita ad un intenso bagaglio culturale e ad una dedizione assoluta verso Lucca e i tanti, tantissimi visitatori che vengono a vivacizzarla.» Gli fa eco Francesco Caredio, Presidente: «Un successo anche della città.»

Nei dettagli:

  • 200mila presenze in 4 giorni di manifestazione: giovedì 31 ottobre e venerdì 1° novembre, è stato già replicato il successo delle centomila presenze dei primi giorni dello scorso anno; nel solo terzo giorno di sabato 2 novembre sono arrivati 70mila visitatori! I numeri hanno da subito mostrato che si avevano le carte in regola per superare il record di presenze dello scorso anno (180mila).
  • 5 sezioni tematiche: Comics, Games, Junior, Music&Cosplay e Movie.
  • 20 le aree del centro storico coinvolte per un totale di 25.000 metri quadrati con la presenza di oltre 700 stand, 500 eventi principali, 1.600 cosplayers iscritti alle gare, esclusi centinaia di altri cosplayer non partecipanti alla sfilata, 800 bambini che hanno preso parte alle attività di Lucca Junior; 15mila spettatori hanno festeggiato Cristina D’Avena e i suoi 30 anni di carriera col suo concerto sul palco delle mura, affiancata dalla celebre band demenziale dei Gem Boy.
  • 87.800 “mi piace” su Facebook, 600mila visualizzazioni della photogallery ufficiale, e 800 giornalisti e operatori dei media accreditati per sfondare nel web, social e non.
  • 500 anni delle mura cittadine, i 20 anni di Lucca Games, 10 anni di Lucca Cosplay, e i 30 anni di carriera di Cristina D’Avena sono i quattro anniversari a cinque zeri che il festival ha celebrato quest’anno.

“Questione di stile” è stato il tema di quest’anno, sottolineato dalle mostre a ingresso gratuito allestite come sempre nella cornice di Palazzo Ducale, a partire da Dress Code, esposizione di costumi realizzati da atelier di moda e ispirati a personaggi come Fujiko Mine, Eva Kant, Valentina, Catwoman, Satanik e Wonder Woman, nonché all’immaginaria pin up del manifesto ufficiale, realizzato dalla software house Riot Games. La moda quindi, con una speciale location aggiuntiva nella Chiesa dei Servi, dedicata a Salvatore Ferragamo, alfiere del made in Italy che ha vestito i piedi delle star di Hollywood, raccontato attraverso le tavole in mostra di Frank Espinosa, biografo a fumetti dello stilista e a uno striscione firmato da decine di autori di punta. Non solo stile però, sempre a Palazzo Ducale: le “crude” tavole di Hermann, ospite della manifestazione, le opere di Guy Delisle tra Corea, Israele, per il graphic journalism, le illustrazioni di Beatrice Alemagna e per finire le personali di Giulio De Vita (autore pluripremiato in ambito internazionale e, fra le altre cose, creativo della cover de La Donna, il Sogno il grande Incubo, degli 883), Stephan Martinière, illustratore della fantascienza, e, ultimo, ma acclamato, Terry Moore e le sue donne invincibili, con la conclusa saga di Strangers in Paradise le cui ultime tavole originali sono state presentate per la prima volta, in esclusiva mondiale a Lucca.

Il festival ha condito questo appuntamento con cinema “bellicoso” e tre anteprime nazionali: Thor The Dark World (Adam Taylor, Marvel – Universal -Walt Disney) per il “Sathorday” di sabato 2 novembre, con tre proiezioni al Cinema Astra; Machete kills (Robert Rodriguez, Lucky Red) con Danny Trejo, Mel Gibson, Lady Gaga e Antonio Banderas, il giorno precedente, venerdì 1° novembre, sempre al Cinema Astra e Arrugas, il film d’animazione 2D nato dalla graphic novel di Paco Roca il 31 ottobre scorso presso il Cinema Centrale Exit Med!a.

Venerdì 1° novembre è stata anche la volta di Ender’s Game (Eagle Piuctures), interpreti Asa Butterfield, Harrison Ford e Ben Kingsley al Cinema Centrale. Per gli amanti dell’animazione giapponese c’è stata l’anteprima di un contenuto speciale di Capitan Harlock 3D (Shinji Haramaki, Lucky Red -Toei animation). Per il cinema italiano abbiamo avuto la presentazione e masterclass di Pif per il suo La Mafia uccide solo d’Estate (01 distributions), e Paolo Ruffini per presentare la sua commedia Fuga di Cervelli (Colorado Film – Medusa).

Il Gran Guinigi 2013, premio internazionale legato al festival, è andato per la storia breve a Joe R Lansdale e Peter Bergting con L’Orrore di Dunwich, in “L’Orrore e altre storie” (edizioni BD), mentre è all’editore Tunué che va la palma della miglior storia lunga con La Memoria dell’Acqua di Mathieu Reynés e Valérie Vernay; il miglior fumetto seriale Gran Guinigi va a Saga di Brian K. Vaughan e Fiona Staples, il Miglior autore unico di quest’anno è Rutu Modan, il Miglior sceneggiatore è Paola Barbato, il miglior disegnatore è Giuseppe Palumbo. Il Premio speciale della giuria è andato alla testata Topolino per i suoi 3.000 numeri; il titolo di Maestro è andato a Silver, mentre la palma di Gioco dell’Anno e Gioco dell’Anno 2013 è stata attribuita rispettivamente a Augustus di Paolo Mori (Oliphante) e Rogue Trader di Ross Watson (Giochi Uniti).

La città ha sopportato anche un giorno di intensa pioggia che non ha certo guastato la festa ma ha messo a dura prova l’organizzazione e le strutture, nonché il traffico cittadino, fatto che ha suggerito le “limature” da effettuare per accogliere al meglio il pubblico alla prossima edizione. La circonvallazione è stata “svuotata” dirottando non senza disagio il traffico in arrivo dall’autostrada.

Ben 1.300 aspiranti disegnatori e mangaka hanno contattato nelle aree Pro e Self gli editor delle case editrici e gli indipendenti.

lucca comics - le mura

Sulle mura, che festeggiano quest’anno il loro cinquecentenario, si sono scagliate torme di cosplayer e sfilate/performances spettacolari.

lucca comics 2L’evento di punta è stato il concerto di Cristina D’Avena per i suoi 30 anni di attività, accompagnata dai Gem Boy e dall’entusiasmo di 15mila spettatori. Anche lo staff di “Quelli che il Calcio” ha preso parte all’evento con tre dirette Rai dal Baluardo San Paolino: Vladimir Luxuria ha presentato al pubblico tre cosplayer d’eccezione, sfidando i telespettatori a smascherarli; nei panni di Batman, Catwoman, Darth Vader, rispettivamente Stefano Tacconi, Lori Del Santo e Giucas Casella [in foto Luxuria, Del Santo e Casella con il Sindaco Tambellini, il presidente e il direttore artistico di Lucca Comics&Games, Francesco Caredio e Renato Genovese] Apprezzatissimo dal pubblico è stato il live set della Umbrella Italian Division (Operazione Panacea). Un’attenzione all’aspetto “social” e connettività web è stata assicurata con l’App Ufficiale MyLC&G per Apple e Android a cura di DevItalia telecomunicazioni, Gesam Energia e Mediaus. Ogni visitatore che avesse installato MyLC&G avrebbe potuto condividere in diretta le sue foto e impressioni sull’evento.

Lucca sorprende ancora, sperando che l’anno prossimo spunti una seconda città per contenerci tutti: autori, artisti e sognatori.

© Letteratitudine

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Annunci