Archivio

Archivio dell'autore

UNA STRANA NEBBIA di Federico Zatti (intervista)

“Una strana nebbia. Le domande ancora aperte sul caso Moby Prince” di Federico Zatti (Mondadori): intervista all’autore

 * * *

Il libro sarà presentato a Taobuk, festival letterario di Taormina, domenica 20 giugno alle h. 15:30, a Palazzo Ciampoli (Taormina, ME)

* * *

di Massimo Maugeri

Federico Zatti (1973) è giornalista e autore Rai. Da oltre quindici anni segue i principali fatti di attualità, scrivendo per programmi radio e tv. Attualmente lavora al programma di Rai Uno Unomattina.
Di recente, per la collana Strade blu. Non Fiction di Mondadori, Federico Zatti ha firmato il volume intitolato “Una strana nebbia“. Un saggio d’inchiesta che, come indica la frase riportata in copertina, si concentra su “Le domande ancora aperte sul caso Moby Prince”.
Stiamo parlando della più grande tragedia della nostra marina civile. Il fatto accadde trent’anni fa,  la sera del 10 aprile 1991, allorquando il traghetto di linea Moby Prince, in partenza dal porto di Livorno e diretto a Olbia, entrò in rotta di collisione con la petroliera Agip Abruzzo, all’ancora in rada, sfondandone la fiancata di dritta e provocando un incendio in cui persero la vita centoquaranta persone.

Ne ho discusso con l’autore…

– Federico, partiamo dall’inizio. Cosa ti ha spinto a interessarti al caso Moby Prince al punto da dedicargli un saggio d’inchiesta?
Quella della Moby Prince è una storia che non torna. 10 anni fa, lavorando a un racconto televisivo d questa vicenda, ho dovuto fare i conti con i troppi buchi logici di questo caso. Benché non sia considerata una scienza esatta, la narrazione ha una logica stringente e più apprendevo i dettagli degli avvenimenti, più si inceppava il racconto e mi costringeva a fermarmi e a pormi nuove domande. Leggi tutto…

FRANCESCA SERAFINI VINCE IL PREMIO LA PROVINCIA IN GIALLO 2021

FRANCESCA SERAFINI è la vincitrice della decima edizione del Premio letterario “La Provincia in Giallo” con il romanzo “Tre madri” (La nave di Teseo)

[Francesca Serafini, con il suo romanzo “Tre madri” (La nave di Teseo) è stata ospite di Letteratitudine nella rubrica “Incontri con gli autori”]

 * * *

Sabato 12 giugno, in occasione della cerimonia conclusiva del Premio La Provincia in Giallo 2021, al teatro Martinetti di Garlasco, alla presenza della madrina della decima edizione Margherita Oggero, è stata proclamata la vincitrice della decima edizione:

Francesca Serafini con il romanzo “Tre madri” (La nave di Teseo).

Le altre due finaliste in concorso: Eleonora Carta, con “Piani inclinati(Piemme) ed Emanuela Valentini, “Le segnatrici” (Piemme). Leggi tutto…

PREMIO STREGA 2021: i cinque finalisti e il vincitore del Premio Strega Giovani

I finalisti del Premio Strega 2021 e il vincitore del Premio Strega Giovani 2021

immagine per I finalisti del Premio Strega 2021 e il vincitore del Premio Strega Giovani 2021

Sono Emanuele Trevi, Edith Bruck, Donatella Di Pietrantonio, Giulia Caminito e Andrea Bajani i cinque finalisti dell’edizione 2021 del Premio Strega. Edith Bruck è la vincitrice del Premio Strega Giovani
Leggi tutto…

Edith Bruck vince il Premio Strega Giovani 2021

È Edith Bruck la vincitrice del Premio Strega Giovani 2021

Benevento 10 06 2021 Edith Bruck, Premio Strega Giovani 2021
©Musacchio, Ianniello & Pasqualini

* * *

Edith Bruck con il romanzo Il pane perduto  (La nave di Teseo) è la vincitrice dell’ottava edizione del Premio Strega Giovani, promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Strega Alberti con il contributo della Camera di Commercio di Roma e in collaborazione con BPER Banca. La Vincitrice è stata annunciata in apertura della diretta dal Presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico, collegato da remoto, rispettando la tradizione che negli anni precedenti ha visto svolgersi la cerimonia di proclamazione sempre a Palazzo Montecitorio. È stato Giuseppe D’Avino, presidente di Strega Alberti Benevento a consegnare il premio. Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 31 maggio al 6 giugno 2021 – questa settimana segnaliamo “Figlia della cenere” di Ilaria Tuti (Longanesi)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 31 maggio al 6 giugno 2021

Questa settimana segnaliamo: “Figlia della cenere” di Ilaria Tuti (Longanesi)

 * * *

In prima posizione: L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

In seconda posizione: “Io sono Giorgia. Le mie radici le mie idee” di Giorgia Meloni (Rizzoli)

In terza posizione: “Io posso. Due donne sole contro la mafia” di Pif e Marco Lillo (Feltrinelli)

* * *

La scheda del libro: “Figlia della cenere” di Ilaria Tuti (Longanesi)

«La mia è una storia antica, scritta nelle ossa. Sono antiche le ceneri di cui sono figlia, ceneri da cui, troppe volte, sono rinata. E a tratti è un sollievo sapere che prima o poi la mia mente mi tradirà, che i ricordi sembreranno illusioni, racconti appartenenti a qualcun altro e non a me.
È quasi un sollievo sapere che è giunto il momento di darmi una risposta, e darla soprattutto a chi ne ha più bisogno. Perché i miei giorni da commissario stanno per terminare.
Eppure, nessun sollievo mi è concesso.
Oggi il presente torna a scivolare verso il passato, come un piano inclinato che mi costringe a rotolare dentro un buco nero.
Oggi capirò di dovere a me stessa, alla mia squadra, un ultimo atto, un ultimo scontro con la ferocia della verità.
Perché oggi ascolterò un assassino, e l’assassino parlerà di me.»

Dopo Fiori sopra l’inferno e Ninfa dormiente, torna il commissario Teresa Battaglia in una storia intrisa di spietatezza e compassione, di crudeltà e lealtà, di menzogna e gentilezza. L’indagine più pericolosa per Teresa, il caso che segna la fine di un’epoca.

 

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 20,00
2 Io sono Giorgia. Le mie radici le mie idee Giorgia Meloni Rizzoli 18,00
3 Io posso. Due donne sole contro la mafia Pif; Marco Lillo Feltrinelli 15,00
4 La canzone di Achille Madeline Miller Marsilio 11,00 T
5 Yoga Emmanuel Carrère Adelphi 20,00
6 I segreti del Conticidio. Il «golpe buono» e il «governo dei migliori» Marco Travaglio PaperFIRST 16,00
7 C’è speranza? Il fascino della scoperta Julián Carrón Editrice Nuovo Mondo 4,00 *
8 Figlia della cenere Ilaria Tuti Longanesi 18,60
9 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
10 La sorella perduta. Le sette sorelle Lucinda Riley Giunti Editore 19,80

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

LA ZECCA ITALIANA CONIA UNA MONETA DEDICATA A GRAZIA DELEDDA NEL 150° ANNIVERSARIO DELLA NASCITA

Il 150° anniversario della nascita della scrittrice Grazia Deledda (1871-1936) celebrato con il conio di una moneta in argento

 * * *

imageRoma, 10 giugno 2021 – Una moneta in argento, emessa oggi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze nell’ambito della Collezione Numismatica 2021 e coniata dalla Zecca italiana, celebra il 150° anniversario della nascita della scrittrice nuorese Grazia Deledda (1871-1936). Leggi tutto…

POSITANO RACCONTA 2021: prima edizione

POSITANO RACCONTA 2021: prima edizione del festival letterario curato da Nicola Lagioia – si svolgerà a Positano, dal 15 al 20 giugno 2021

Positano Racconta

 * * *

IL MONDO CHE VERRÀ – Positano, 15-20 giugno 2021 – a cura di Nicola Lagioia

Edoardo Albinati – Silvia Avallone – Marco Balzano – Giulia Caminito – Giuseppe Catozzella – Javier Cercas – Teresa Ciabatti – Francesca d’Aloja – Giancarlo De Cataldo – Maurizio De Giovanni – Concita De Gregorio – Andrea Delogu – Mario Desiati – Pietro Del Soldà – Diego De Silva – Donatella Di Pietrantonio – Marco Filoni – Lisa Ginzburg –  Cathy La Torre – Antonella Lattanzi – Loredana Lipperini – Tiziana Lo Porto – Dacia Maraini – Neri Marcorè – Titti Marrone – Melania Mazzucco – Marco Missiroli – Cristina Morales – Raffaello Palumbo Mosca – Lorenza Pieri – Alessandro Preziosi – Pier Luigi Razzano – Walter Siti – Elena Stancanelli – Domenico Starnone – Chiara Tagliaferri  – Emanuele Trevi Leggi tutto…

LIBRI COME 2021

LIBRI COME 2021: dall’11 al 13 giugno 2021

Torna “Libri come”: la Festa del Libro e della Lettura, prodotta dalla Fondazione Musica per Roma e a cura di Michele De Mieri, Rosa Polacco e Marino Sinibaldi, in programma all’Auditorium Parco della Musica dall’11 al 13 giugno.

Tra gli autori previsti Alberto Angela, Emmanuel Carrère, Elena Cattaneo, Javier Cercas, Nicola Lagioia, Elvira Lindo, Vito Mancuso,  Suketu Mehta, Walter Siti, Manuel Vilas, Zerocalcare.

L’intero programma è disponibile qui Leggi tutto…

Categorie:Eventi Tag:

LA CITTÀ DEI LETTORI 2021

LA CITTÀ DEI LETTORI 2021: Oltre 100 ospiti e più di 60 eventi dal vivo dedicati al libro e alla letteratura

La città dei lettori” si fa in nove: la rassegna dedicata al libro e alla lettura tocca per la prima volta tutta la Toscana, mantenendo il suo cuore pulsante a Firenze.

Il programma è disponibile qui

Protagonisti della manifestazione, organizzata dall’Associazione Wimbledon APS con la collaborazione e il contributo di Fondazione CR Firenze, saranno Roberto Saviano, Michela Murgia, Toni Servillo, Nicola Lagioia, Carlo Verdone, Ilaria Gaspari, Umberto Galimberti, Beppe Severgnini, Vera Gheno, Caterina Soffici, Massimo Carlotto, Franco Arminio e tanti altri. Leggi tutto…

C’ERA UNA VOLTA A HOLLYWOOD di Quentin Tarantino – esce il 1° luglio per La nave di Teseo

“C’era una volta a Hollywood” di Quentin Tarantino (La nave di Teseo)

* * *

Ecco la copertina del primo, attesissimo romanzo del regista americano. Diversa dalle altre edizioni nel mondo e molto apprezzata dallo stesso Tarantino.

Il romanzo (uscita in contemporanea mondiale) sarà in libreria dal 1° luglio per i tipi de La nave di Teseo. I diritti sono stati venduti in 25 Paesi.

In libreria anche la nuova edizione di Pulp fiction,
la sceneggiatura del capolavoro con cui vinse la Palma d’Oro e il premio Oscar.

 * * *

“Sono felice e onorata – dichiara Elisabetta Sgarbi, Publisher della Nave di Teseo – di annunciare la pubblicazione del romanzo di Quentin Tarantino, C’era una volta a Hollywood con La nave di Teseo. Leggi tutto…

PREMIO VIAREGGIO – RÈPACI 2021 ad Alessandra Carati il Premio Opera Prima per “E poi saremo salvi”

PREMIO VIAREGGIO – RÈPACI 2021 – 92° EDIZIONE

image

 

Ad Alessandra Carati il Premio Opera Prima per il romanzo “E poi saremo salvi” (Mondadori).

Per saperne di più sul libro: Alessandra Carati ospite della rubrica “Incontri con gli autori” di Letteratitudine Leggi tutto…

Categorie:Uncategorized

YOGA di Emmanuel Carrère (recensione)

“Yoga” di Emmanuel Carrère (Adelphi – traduzioni di Lorenza Di Lella e Francesca Scala)

* * *

di Erika Di Giorgio

La prosa di Emmanuel Carrère riesce sempre a catturarti e ad ammaliarti, a prescindere dal tipo di libri e di tematiche di cui questo grande autore francese decide di occuparsi. È così anche per questo volume da poco giunto in Italia e dal titolo piuttosto indicativo: “Yoga” (Adelphi, traduzione di Lorenza Di Lella e Francesca Scala). Una narrazione che non si limita a descrivere lo yoga e l’arte della meditazione, ma che si spinge fino ai limiti di una ricerca introspettiva che potremmo definire con l’appellativo di “autobiografia psichiatrica”.

Yoga, intanto (includendo il più generale concetto di meditazione, nonché la pratica di certe arti marziali come il tai chi): una forma di ginnastica fisico/spirituale che mira all’esplorazione e all’espansione della coscienza. E che  Carrère conosce piuttosto bene dato che la pratica da circa tre decenni. Leggi tutto…

Premio saggistica “Città delle Rose” 2021 – Sezione italiana vince: Andrea Gentile con “Apparizioni”

Premio saggistica “Città delle Rose” – XIX edizione – Sezione italiana vince: Andrea Gentile con “Apparizioni” (Edizione Nottetempo). Premiazione a Roseto degli Abruzzi il 26 giugno

* * *

Giunto alla XIX edizione quest’anno, il Premio di saggistica italiano “Città delle rose” nella sezione Saggistica autore italiano premia Andrea Gentile con l’assegnazione del riconoscimento il 26 giugno a Roseto degli Abruzzi.

Apparizioni, il libro premiato ed edito da Nottetempo nelle apparizioni stesse consegna a lettori e lettrici il luogo di ciò che appare e crea mutamento, quel novero di esperienze che hanno bisogno di consapevolezza come di capacità di contemplazione nel presente, quando le cose accadono. “Il campo d’elezione delle apparizioni, allora, è quello artistico, perché la letteratura, il cinema, la musica, l’arte sono apparizioni. Spaziose, meditative, contemplative, possono raccontare un’altra storia e andare nell’“altra direzione”. Leggi tutto…

“Anche l’ultimo argonauta se n’è andato” di Carlo Di Francescantonio (poesie)

“Anche l’ultimo argonauta se n’è andato” di Carlo Di Francescantonio (RP Libri)

 * * *

di Helena Molinari

Che ci sono disegni, biglietti e affetto.
Cè tanto di questo tempo e di questo tempo l’eccesso.
C’è l’inseparabile musica, con piglio traslucido e critico verso il tamburino deludente d’ arroganza che impera, un po’ dappertutto, e uccide di consumismo facile nell’ imbuto imbellettato degli anni 80, eppure non passano troppe ore tra una visita e l’altra in libreria.
C’è l’essere sempre figlio nel precario esistere a cercar lavoro, ma c’è anche il figlio, il figlio e basta. C’è l’inadeguatezza che somiglia all’adolescenza per l’impeto dei sogni che ancora si ha la forza di sognare.
C’è incanto anche nel disincanto. Leggi tutto…

I GIORNI PIÙ BELLI di Giancarlo Melosi: incontro con l’autore

“I giorni più belli. La straordinaria epopea di una famiglia ebrea sopravvissuta alla Storia” di Giancarlo Melosi (Newton Compton): incontro con l’autore e un brano estratto dal libro

* * *

Giancarlo Melosi è nato nel 1951, vive tra l’isola d’Elba e l’entroterra toscano. Ha iniziato la sua vita professionale con un breve periodo come insegnante, poi per più di trent’anni ha lavorato come dirigente alla Regione Toscana, occupandosi di sanità, ambiente, programmi comunitari e turismo.

I giorni più belli è il suo primo romanzo. Abbiamo chiesto all’autore di parlarcene…

* * *

«“I giorni più belli” è, in un certo senso, figlio del Covid-19 o Sars-Cov-2, come lo chiamano gli addetti ai lavori, con un acronimo inglese», ha detto Giancarlo Melosi a Letteratitudine. Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 24 al 30 maggio 2021 – questa settimana segnaliamo “L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 17 al 23 maggio 2021

Questa settimana segnaliamo: “L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

 * * *

In prima posizione: L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

In seconda posizione: “Io sono Giorgia. Le mie radici le mie idee” di Giorgia Meloni (Rizzoli)

In terza posizione: “Io posso. Due donne sole contro la mafia” di Pif e Marco Lillo (Feltrinelli)

* * *

La scheda del libro: “L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio” di Stefania Auci (Nord)

Hanno vinto, i Florio, i Leoni di Sicilia. Lontani sono i tempi della misera putìa al centro di Palermo, dei sacchi di spezie, di Paolo e di Ignazio, arrivati lì per sfuggire alla miseria, ricchi solo di determinazione. Adesso hanno palazzi e fabbriche, navi e tonnare, sete e gioielli. Adesso tutta la città li ammira, li onora e li teme.
E il giovane Ignazio non teme nessuno. Il destino di Casa Florio è stato il suo destino fin dalla nascita, gli scorre nelle vene, lo spinge ad andare oltre la Sicilia, verso Roma e gli intrighi della politica, verso l’Europa e le sue corti, verso il dominio navale del Mediterraneo, verso l’acquisto dell’intero arcipelago delle Egadi. È un impero sfolgorante, quello di Ignazio, che però ha un cuore di ghiaccio. Perché per la gloria di Casa Florio lui ha dovuto rinunciare all’amore che avrebbe rovesciato il suo destino. E l’ombra di quell’amore non lo lascia mai, fino all’ultimo…
Ha paura, invece, suo figlio Ignazziddu, che a poco più di vent’anni riceve in eredità tutto ciò suo padre ha costruito. Ha paura perché lui non vuole essere schiavo di un nome, sacrificare se stesso sull’altare della famiglia. Eppure ci prova, affrontando un mondo che cambia troppo rapidamente, agitato da forze nuove, violente e incontrollabili. Ci prova, ma capisce che non basta avere il sangue dei Florio per imporsi. Ci vuole qualcos’altro, qualcosa che avevano suo nonno e suo padre e che a lui manca. Ma dove, cosa, ha sbagliato?
Vincono tutto e poi perdono tutto, i Florio. Eppure questa non è che una parte della loro incredibile storia. Perché questo padre e questo figlio, così diversi, così lontani, hanno accanto due donne anche loro molto diverse, eppure entrambe straordinarie: Giovanna, la moglie di Ignazio, dura e fragile come cristallo, piena di passione ma affamata d’amore, e Franca, la moglie di Ignazziddu, la donna più bella d’Europa, la cui esistenza dorata va in frantumi sotto i colpi di un destino crudele.
Sono loro, sono queste due donne, a compiere la vera parabola – esaltante e terribile, gloriosa e tragica – di una famiglia che, per un lungo istante, ha illuminato il mondo. E a farci capire perché, dopo tanti anni, i Florio continuano a vivere, a far battere il cuore di un’isola e di una città. Unici e indimenticabili.

 * * *

Stefania Auci al TG3 del 25 maggio 2021 parla del suo nuovo romanzo “L’inverno dei leoni” (Nord), il secondo volume della saga della famiglia Florio

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 L’inverno dei Leoni. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 20,00 *
2 Io sono Giorgia. Le mie radici le mie idee Giorgia Meloni Rizzoli 18,00
3 Io posso. Due donne sole contro la mafia Pif; Marco Lillo Feltrinelli 15,00
4 Yoga Emmanuel Carrère Adelphi 20,00
5 La canzone di Achille Madeline Miller Marsilio 11,00 T
6 La sorella perduta. Le sette sorelle Lucinda Riley Giunti Editore 19,80
7 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
8 I leoni di Sicilia. La saga dei Florio Stefania Auci Nord 18,00
9 L’inferno su Roma. Il grande incendio che distrusse la città di Nerone. La trilogia di Nerone. Vol. 2 Alberto Angela HarperCollins Italia 19,50
10 L’uomo del porto Cristina Cassar Scalia Einaudi 18,50

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

PREMIO CALVINO 2021: i finalisti

I finalisti della XXXIV edizione del Premio Italo Calvino

image

 * * *

Il Premio Italo Calvino annuncia le opere finaliste della XXXIV edizione, scelte dal Comitato di lettura del Premio tra i 999 manoscritti partecipanti al bando e in seguito sottoposte al giudizio della Giuria composta, quest’anno, da Mario Baudino, Isabella Camera d’Afflitto, Valeria Della Valle, Giorgio Falco, Alessio Torino.

I dieci testi inediti di autori esordienti, fra cui i Giurati sceglieranno il vincitore e le menzioni speciali, sono: Non nella Enne non nella A ma nella Esse di Mariana Branca (Avellino, 1982), L’uomo che ha venduto il mondo di Claudio Conti (San Lorenzo in Campo – Pesaro Urbino, 1972), Noi non siamo la risposta di Stefano Mussari (Prato, 1983), Le piacevoli favole di Giulio Nardo (Padova, 1992), Le tracce del fuoco di Gianmarco Parodi (Sanremo, 1986), La gioia avvenire di Stella Poli (Piacenza, 1990), L’età delle madri di Vittorio Punzo (Vairano Scalo – Caserta, 1998), L’educazione sentimentale di Guglielmo Sputacchiera di Alberto Ravasio (Bergamo, 1990), Rattatata di Alfredo Speranza (Roma, 1950), Altro nulla da segnalare. Storie di uccelli di Francesca Valente (Torino, 1974). Leggi tutto…

IO SONO GESÙ di Giosuè Calaciura (intervista)

“Io sono Gesù” di Giosuè Calaciura (Sellerio): intervista all’autore

 * * *

di Domenico Trischitta

Giosuè Calaciura è uno scrittore di sostanza, uno che non piazza parole scritte a caso, le rende animate e vitali, visivamente dinamiche. E’ la sua, grazie a Dio, è una scrittura di ricerca, di sforzo stilistico e onestà intellettuale, la misura dei grandi autori. E poi è siciliano, di quella carnalità sanguigna che rende questa letteratura pregnante di storia atavica e tradizione millenaria. Per questo motivo cimentarsi con il grande mistero della rivelazione cristiana è stata l’occasione per creare un’opera letteraria potente, una sfida esaltante riuscita, forse il romanzo più bello per il narratore palermitano, da paragonare all’epica di “Furore” di Steinbeck.
Io sono Gesù” (Sellerio) non ci svela un mistero, ci racconta la formazione di un ragazzo che non sa e non si sogna nemmeno di essere un profeta.

– Calaciura, cosa ti ha spinto a raccontare questa storia? Leggi tutto…

PREMIO DI SAGGISTICA “CITTÀ DELLE ROSE” 2021 A FRÉDÉRICH PAJAK

Premio di Saggistica “Città delle Rose” XIX edizione – Vincitore sezione Internazionale

Frédérich Pajak, Manifesto incerto (L’orma). Sotto il cielo di Parigi con Nadja, André Breton, Walter Benjamin

Premiazione a Roseto degli Abruzzi il 26 giugno

 * * *

Giunto alla XIX edizione quest’anno, il Premio di saggistica italiano “Città delle rose” nella sezione Internazionale premia Frédéric Pajak con l’assegnazione del riconoscimento il 26 giugno a Roseto degli Abruzzi. Leggi tutto…

LE ORE PIENE di Valentina Della Seta: incontro con l’autrice

Le ore piene “Le ore piene” di Valentina Della Seta (Marsilio): incontro con l’autrice e un brano estratto dal libro

* * *

Valentina Della Seta vive a Roma – dove è nata nel 1974 – e scrive di letteratura, cinema e costume per il venerdì di Repubblica, Icon e Rivista Studio.

Per Marsilio ha appena pubblicato il romanzo “Le ore piene“. Abbiamo chiesto all’autrice di parlarcene…

* * *

«Ho scritto Le ore piene nell’arco di tre anni», ha detto Valentina Della Seta a Letteratitudine. «Sono partita senza un progetto preciso, all’inizio avevo più che altro bisogno di elaborare un dispiacere amoroso. Era qualcosa che mi occupava la mente in modo totale, mi sono resa conto di non poter scappare, tanto valeva costruirci intorno le giornate. Ho cominciato a sedermi quasi ogni giorno per tre o quattro ore, disponendomi a scrivere. Leggi tutto…

FESTIVAL DELLA FILOSOFIA 2021

Festa della filosofia di TLON, dal 4 giugno al Monk, Roma – Nancy Bauer, Maurizio Ferraris, Vito Mancuso, Ilaria Gaspari, Roberto Saviano e altri

Festa della Filosofia: venerdì 4, sabato 12, venerdì 18, venerdì 25 giugno e giovedì 1 luglio al Monk di Roma Leggi tutto…

ADDIO A PAOLO MAURENSIG

È scomparso lo scrittore Paolo Maurensig (Gorizia, 26 marzo 1943 – Udine, 29 maggio 2021). Gli dedichiamo questa pagina

* * *

Morto Paolo Maurensig autore della 'Variante di Lüneburg'- Corriere.itApprofondimenti su: la Repubblica, Il Corriere della Sera, La Stampa, Il Fatto Quotidiano, Ansa, Il Sole 24Ore

 * * *

Terminati gli studi classici, Maurensig da Gorizia si trasferì a Milano. Dopo essere stato agente di commercio, passò all’editoria.
Il successo letterario giunse nel 1993 con La variante di Lüneburg, un romanzo che narra di una partita tra due maestri di scacchi attraverso gli eventi della seconda guerra mondiale, con finale a sorpresa sulla vera natura dei giocatori.
Il secondo romanzo, Canone inverso del 1996, è invece incentrato sulla musica, in una cornice mitteleuropea che è stata la base per la versione cinematografica diretta da Ricky Tognazzi. Leggi tutto…

PREMIO CAMPIELLO 2021: selezionata la cinquina finalista

Premio Campiello, selezionata la cinquina finalista (Bajani, Caminito, Malaguti, Nori, Pellegrino) – Campiello Opera Prima a Daniela Gambaro

Entrano in finale Andrea Bajani con “Il libro delle case” (Feltrinelli), Giulia Caminito con “L’acqua del lago non è mai dolce” (Bompiani), Paolo Malaguti con “Se l’acqua ride” (Einaudi), Paolo Nori con “Sanguina ancora” (Mondadori) e Carmen Pellegrino con “La felicità degli altri” (La nave di Teseo).

Assegnato il Premio Campiello Opera Prima a Daniela Gambaro con “Dieci storie quasi vere” (Nutrimenti) Leggi tutto…

Al cinema EXTRALISCIO. PUNK DA BALERA di Elisabetta Sgarbi

Il nuovo film di Elisabetta Sgarbi EXTRALISCIO. PUNK DA BALERA il 14-15-16 giugno a cinema in tutta Italia come evento speciale Nexo Digital all’interno del programma di La Milanesiana. Ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi

https://64.media.tumblr.com/8ca1759c97c15d5e72e5d92f643ea0d3/b223d3c0f5e643f4-ef/s1280x1920/fd443ad069533b969c06c8b2f9293448d681a73b.jpg

Leggi tutto…

ADDIO A CARLA FRACCI: la prima ballerina assoluta

Addio a Carla Fracci, la regina della danza (Milano, 20 agosto 1936 – Milano, 27 maggio 2021)

È stata una delle più grandi ballerine del ventesimo secolo. Nel 1981 il New York Times la definì prima ballerina assoluta. Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 17 al 23 maggio 2021 – questa settimana segnaliamo “Il sogno di Sooley” di John Grisham (Mondadori)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 17 al 23 maggio 2021

Questa settimana segnaliamo: “Il sogno di Sooley” di John Grisham (Mondadori)

 * * *

In prima posizione: “Io sono Giorgia. Le mie radici le mie idee” di Giorgia Meloni (Rizzoli)

In seconda posizione: “La sorella perduta. Le sette sorelle” di Lucinda Riley (Giunti)

In terza posizione: “La canzone di Achille” di Madeline Miller (Marsilio)

* * *

La scheda del libro: “Il sogno di Sooley” di John Grisham (Mondadori – traduzione di Luca Fusari e Sara Prencipe)

Il sogno di Sooley è il primo romanzo di John Grisham sul basket, sport da lui molto amato e da cui prende spunto per raccontare la storia commovente e appassionante di una giovane vita esemplare.

Samuel Sooleymon ha diciassette anni e un’unica grande passione: il basket. Vive con la famiglia in un villaggio del Sudan Meridionale, paese dilaniato dalla guerra civile e dalla carestia. Agile, scattante e velocissimo, Samuel è ancora un atleta acerbo e inesperto quando viene notato da un coach che gli offre l’occasione di una vita: partire per gli Stati Uniti con altri ragazzi come lui per partecipare a un importante torneo che potrebbe aprirgli le porte di una carriera sportiva sfolgorante. Samuel non si è mai allontanato da casa, ma il sogno di diventare un campione è la molla che lo spinge a lasciare tutto e iniziare la sua avventura. Ed è proprio quando muove i primi passi nell’ambiente ultracompetitivo dell’agonismo sportivo che lo raggiunge una terribile notizia: la guerra civile non ha risparmiato il suo villaggio e la vita di suo padre, mentre sua madre e i suoi due fratelli sono stati accolti in un campo profughi. Sooley, come ormai tutti lo chiamano, vorrebbe tornare in Sudan, però non può farlo. È disperato, ma possiede qualcosa che nessun altro atleta ha: la fiera determinazione di farcela, di passare le selezioni, di vincere per poter portare in salvo il prima possibile la sua famiglia in America. Decide di allenarsi senza un attimo di tregua. Ha un anno di tempo per diventare il simbolo del riscatto e l’orgoglio del suo paese. Riuscirà a entrare nella leggenda?

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Io sono Giorgia. Le mie radici le mie idee Giorgia Meloni Rizzoli 18,00
2 La sorella perduta. Le sette sorelle Lucinda Riley Giunti Editore 19,80
3 La canzone di Achille Madeline Miller Marsilio 11,00 T
4 L’inferno su Roma. Il grande incendio che distrusse la città di Nerone. La trilogia di Nerone. Vol. 2 Alberto Angela HarperCollins Italia 19,50
5 L’uomo del porto Cristina Cassar Scalia Einaudi 18,50
6 Osso. Anche i cani sognano. Ediz. a colori Michele Serra Feltrinelli 16,00
7 Il pesce piccolo. Una storia di virus e segreti Francesco Zambon Feltrinelli 15,00
8 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
9 Per tutto il resto dei miei sbagli Camilla Boniardi Mondadori 18,00
10 Klara e il Sole Kazuo Ishiguro Einaudi 19,50

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

Stefania Auci al TG3 – L’inverno dei leoni

La scrittrice Stefania Auci al TG3 del 25 maggio 2021 parla del suo nuovo romanzo “L’inverno dei leoni” (Nord), il secondo volume della saga della famiglia Florio.
Leggi tutto…

GITA AL FARO 2021: Festival Letterario di Ventotene

Gita al faro – FESTIVAL LETTERARIO di VENTOTENE 2021

header_gitaalfaro

Scrittrici e scrittori al confino – 22/27 giugno 2021 – 10^ EDIZIONE

 * * *

Nella suggestiva cornice dell’isola di Ventotene, si svolgerà dal 22 al 27 giugno la DECIMA edizione del Festival Letterario Gita al faro (il cui titolo trae ispirazione dall’omonimo romanzo di Virginia Woolf, della quale quest’anno ricorrono gli 80 anni della morte). Diretto da Loredana Lipperini, promosso dall’ Associazione per Santo Stefano in Ventotene onlus, in collaborazione con la Libreria Ultima Spiaggia,  con il patrocinio  del Comune di Ventotene, partner del festival Intesa Sanpaolo. Leggi tutto…

CARAMELLE DAI CONOSCIUTI di Aldo Pagano: incontro con l’autore

“Caramelle dai conosciuti. Un’indagine di Emma Bonsanti” di Aldo Pagano (Piemme): incontro con l’autore e un brano estratto dal libro

* * *

Aldo Pagano, nato a Palermo nel 1966, ha vissuto a lungo a Roma, Bari, Milano, Como. Ex giornalista ed ex sommelier, fra le tante altre cose che ha fatto gli piace ricordare gli anni nelle pubbliche relazioni e il lancio di un chiosco da spiaggia. La protagonista di Caramelle dai conosciuti, il sostituto procuratore Emma Bonsanti, è apparsa anche nei suoi primi romanzi, La trappola dei ricordi e Motivi di famiglia (finalista del Premio NebbiaGialla), tutti nel catalogo Piemme.

Abbiamo chiesto ad Aldo Pagano di raccontarci qualcosa su questo suo nuovo romanzo: Caramelle dai conosciuti. Un’indagine di Emma Bonsanti (Piemme)

* * *

«Emma Bonsanti, la protagonista dei miei romanzi, è nata perché a un certo punto non potevo fare a meno di lei», ha detto Aldo Pagano a Letteratitudine. «In realtà, però, non la creo per farla diventare un personaggio ma avevo bisogno di lei in un periodo lungo e drammatico in cui erano davvero troppe le cose della mia vita che funzionavano male. Leggi tutto…

La tragedia dei migranti: l’intervento della scrittrice Maria Grazia Calandrone al TG3 del 25.5.2021

La scrittrice Maria Grazia Calandrone interviene al TG3 del 25.5.2021 (delle h. 19) sulla tragedia dei migranti e contro l’assuefazione e l’indifferenza che potrebbero avvolgerci
Leggi tutto…

VODKA SIBERIANA di Veronica Tomassini (recensione)

La rivoluzionaria “Vodka siberiana” di Veronica Tomassini

 * * *

di Daniela Sessa

Romanzo?
No, poesia.
Ma il verso, dov’è?
C’è: nel computo delle sillabe sgravate dall’ispirazione.
Fingiamo un dialogo: Fingiamo uno scambio di battute al termine della lettura di “Vodka siberiana” di Veronica Tomassini: banali domande e risposte puntute e perentorie. Facciamo finta che lei non ci ascolti. D’altronde perché dovrebbe farlo? La scrittrice è di quelle che rifugge le banalità e di questi tempi nel mondo della Letteratura già è un blasone. La scrittrice è un’irregolare: questo sì che è un blasone.  A volte il suo essere contro può apparire di maniera, ma è femminilità: parola bellissima. Bellissima se la sottrai al mainstream incattivito contro tutto ciò che è donna. O se la sottrai alla ferocia. Femminilità meno ferocia uguale purezza. Leggi tutto…

I QUANTI della Einaudi: una collana, una rivista, un laboratorio

I QUANTI Einaudi: un nuovo progetto di editoria digitale

 * * *

I quanti sono le particelle fondamentali dell’universo, l’informazione minima le cui infinite combinazioni vanno a comporre gli atomi, le molecole e tutto il resto. In una parola: la realtà. Abbiamo bisogno di conoscere, scoprire e capire una realtà mai come oggi confusa e oscura. Abbiamo bisogno di smontarla e osservarla nei suoi elementi fondamentali.

È per rispondere a questa esigenza che nascono i Quanti Einaudi, un progetto editoriale inedito sia nella forma che nei contenuti: una collana/rivista nuova per i tempi nuovi che stiamo vivendo. Leggi tutto…

Bob Dylan: gli 80 anni di una leggenda vivente

Gli 80 anni di uno dei più celebri (e celebrati) cantautori del mondo (nei servizi del Tg2 e Tg3 del 24 maggio 2021)
Leggi tutto…

E POI SAREMO SALVI di Alessandra Carati: incontro con l’autrice

“E poi saremo salvi” di Alessandra Carati (Mondadori): incontro con l’autrice e un brano estratto dal libro

* * *

Alessandra Carati vive a Milano. È editor e sceneggiatrice. “E poi saremo salvi” (Mondadori) è il suo primo romanzo. Abbiamo chiesto all’autrice di parlarcene…

 * * *

«L’intuizione che sta alla radice di ‘E poi saremo salvi’ è arrivata nel 2008,
quando non avevo una tenuta emotiva, psichica e professionale che potesse
sorreggermi nella scrittura», ha detto Alessandra Carati a Letteratitudine. «Eppure, da subito, si è presentata con una chiarezza disarmante: di quell’intuizione ne avrei fatto un romanzo.
L’ho tenuta viva e nel frattempo mi sono fatta i muscoli, finché nel 2016 ho avuto abbastanza coraggio da prenderla in mano. Gli anni a seguire sono stati ricerca sul campo, documentazione, messa a fuoco di una lingua: raccontavo l’esperienza di una famiglia di profughi bosniaci che tenta di ricostruirsi una casa in Italia, mentre assiste alla distruzione della propria. Leggi tutto…

L’intervento del Presidente Mattarella alla cerimonia commemorativa per le ricorrenze delle stragi di Capaci e di Via d’Amelio

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia commemorativa in occasione dell’anniversario delle stragi di Capaci e di Via d’Amelio

Il Presidente Sergio Mattarella durante il suo intervento in occasione della cerimonia commemorativa dell’anniversario delle stragi di Capaci e di Via d’Amelio.

Mattarella a Palermo ricorda le stragi di Capaci e di Via d’Amelio

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella si è recato a Palermo in occasione dell’anniversario delle stragi di Capaci e di Via d’Amelio. Il Presidente Mattarella è intervenuto alla cerimonia commemorativa che si è svolta nell’Aula Bunker del carcere dell’Ucciardone, nel corso della quale hanno preso la parola: Maria Falcone, Presidente della Fondazione Falcone; Luciana Lamorgese, Ministro dell’interno; Marta Cartabia, Ministro della giustizia; Lamberto Giannini, Capo della Polizia-Direttore generale della pubblica sicurezza; Patrizio Bianchi, Ministro dell’istruzione.

Leggi tutto…

23 maggio 1992 – 23 maggio 2012: GRAZIE, GIOVANNI

GAIA MANZINI racconta NESSUNA PAROLA DICE DI NOI

Per gli Autoracconti d’Autore di Letteratitudine: GAIA MANZINI racconta il suo romanzo “Nessuna parola dice di noi” (Bompiani)

* * *

di Gaia Manzini

Il romanzo è nato da una voce che mi inseguiva. Era la voce di una ragazza. Avevo voglia di assecondare questa voce che assomigliava alla mia da giovane, avevo voglia di scrivere in prima persona e dire “io”.
Ho lavorato per dieci anni in un’agenzia di pubblicità come copywriter. Mi sembrava fosse un buon proseguimento per la mia laurea in lettere. Quello che mi aveva colpito fin da subito era l’atmosfera che si respirava in un reparto creativo: l’assenza di qualsiasi formalità e l’incoraggiamento alla regressione come processo necessario per accedere al proprio io fanciullo. In agenzia si stringeva subito amicizia, si trovavano degli alleati e dei complici non solo nel lavoro ma anche nella vita.
È quello che succede ad Ada, la mia protagonista. Trova il suo primo lavoro in un’agenzia pubblicitaria di Milano e lì conosce Alessio: lavorano insieme, si scambiano confidenze, paure e ambizioni. Ma soprattutto Alessio fin da subito crede in lei, nelle sue capacità, nella forza della sua immaginazione. Mi ricordo perfettamente la sensazione che si prova spesso da giovani: quella di rinascere dentro le parole degli altri, quando ci restituiscono un’immagine di noi che neanche pensavamo di avere. Ada non ha mai pensato di essere talentuosa, non ha mai pensato di meritarsi le attenzioni del mondo, e invece grazie ad Alessio si sente rinascere: le sue parole la fanno nuova. È una sensazione bellissima, come quando ci sentiamo sospinti dal vento; e in effetti la prima pagina che ho scritto di questo romanzo, e che poi ho tolto dalla versione finale, era una scena che raccontava di Ada e Alessio investiti dal vento durante una giornata al mare, in cima a un belvedere. Allargano le braccia e mimano il volo dei gabbiani. Si sentono due ragazzini, ridono senza sentire le reciproche voci. Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 10 al 16 maggio 2021 – questa settimana segnaliamo “E verrà un altro inverno” di Massimo Carlotto (Rizzoli)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 10 al 16 maggio 2021

Questa settimana segnaliamo: “E verrà un altro inverno” di Massimo Carlotto (Rizzoli)

 * * *

In prima posizione: “La sorella perduta. Le sette sorelle” di Lucinda Riley (Giunti)

In seconda posizione: “Io sono Giorgia. Le mie radici le mie idee” di Giorgia Meloni (Rizzoli)

In terza posizione: “L’uomo del porto” di Cristina Cassar Scalia (Einaudi)

* * *

La scheda del libro: “E verrà un altro inverno” di Massimo Carlotto (Rizzoli)

R verrà un altro inverno sovverte la logica del poliziesco, mostrando senza reticenze la ferocia inconfessabile della brava gente e inchiodandoci all’enigma che nessuna detection può risolvere: il mistero di chi siamo davvero.

Bruno Manera e Federica Pesenti sembrano una coppia felice. Lui è un ricco cinquantenne, lei di anni ne ha trentacinque ed è l’erede di una dinastia di imprenditori della “valle”, operoso distretto del Settentrione dove dominano i maggiorenti, l’élite dei capitani d’industria che ha costruito l’ordine del duro lavoro per tanti, del profitto per pochi e delle menzogne per tutti. Su insistenza di Federica, Bruno accetta di trasferirsi in paese, varcando la frontiera invisibile della provincia profonda. Ma quando Manera comincia a subire una serie di gravi atti intimidatori, la situazione precipita. Ad aiutarlo c’è solo Manlio Giavazzi, un vigilante dalla vita sfortunata, convinto che certe faccende vadano risolte tra paesani. Poi il caso gioca un tiro mancino e in una girandola di fulminanti colpi di scena scivoliamo nelle pieghe di un mondo marcio – il nostro – in cui l’amicizia è il vincolo di un’associazione a delinquere, l’amore una speculazione, il matrimonio un campo di battaglia, la solidarietà tra conterranei un patto d’omertà e la famiglia una connection criminale. Massimo Carlotto strappa la maschera a personaggi avvelenati dagli inganni delle loro doppie vite, perché l’avversario è chi ti dorme accanto e il nemico è colui di cui ti fidi.

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 La sorella perduta. Le sette sorelle Lucinda Riley Giunti Editore 19,80 *
2 Io sono Giorgia. Le mie radici le mie idee Giorgia Meloni Rizzoli 18,00
3 L’uomo del porto Cristina Cassar Scalia Einaudi 18,50
4 La canzone di Achille Madeline Miller Marsilio 11,00 T
5 Per tutto il resto dei miei sbagli Camilla Boniardi Mondadori 18,00
6 L’inferno su Roma. Il grande incendio che distrusse la città di Nerone. La trilogia di Nerone. Vol. 2 Alberto Angela HarperCollins Italia 19,50 *
7 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
8 Klara e il Sole Kazuo Ishiguro Einaudi 19,50
9 Alabama Alessandro Barbero Sellerio Editore Palermo 15,00
10 Greenlights. L’arte di correre in discesa Matthew McConaughey Baldini + Castoldi 23,00

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

PREMIO VIAREGGIO–RÈPACI 2021: a Roberto Benigni il Premio Speciale Città di Viareggio

PREMIO VIAREGGIO – RÈPACI 2021 – 92° EDIZIONE

 

A Roberto Benigni il Premio Speciale Città di Viareggio

 * * *

imageSarà il regista, attore e sceneggiatore Roberto Benigni – alla vigilia del Leone d’oro alla carriera che gli verrà conferito alla 78. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica – a ricevere il Premio Speciale Città di Viareggio che gli verrà consegnato nel corso della serata finale del Viareggio – Rèpaci 92° edizione prevista il 28 agosto 2021 a Viareggio.

L’antico legame affettivo di Roberto Benigni con la cittadina toscana raccontato anche nel suo film vincitore di tre premi Oscar® “La vita è bella” (1997), riceve un tributo che raggiunge il suo massimo valore simbolico nell’anno delle celebrazioni dantesche con un’assegnazione decisa dal Sindaco Giorgio Del Ghingaro insieme al Presidente del premio Paolo Mieli. Leggi tutto…

TAOBUK 2021: presentata l’undicesima edizione

TAOBUK 2021: METAMORFOSI. TUTTO MUTA 

 * * *

DAVID GROSSMAN, OLGA NAWOJA TOKARCZUK, EMMANUEL CARRÈRE, CLAUDIA GERINI, ANTONIO ALBANESE, PAUL AUSTER, SERGIO BERNAL, SIMONA MOLINARI, GIOVANNI CACCAMO

 * * *

Dal 17 al 21 giugno a Taormina l’XI edizione del festival ideato e diretto da Antonella Ferrara.

Sarà dedicata al Maestro Franco Battiato la Serata di Gala del 19 giugno

* * *

TAORMINA – Va agli scrittori Olga Nawoja Tokarczuk, Emmanuel Carrère e David Grossman il Taobuk Award 2021 for Literary Excellence, e va agli attori Claudia Gerini e Antonio Albanese il Taobuk Award 2021: la consegna dei prestigiosi riconoscimenti sarà chiave di volta, sabato 19 giugno nel Teatro Antico di Taormina, della Serata di Gala di Taobuk – Taormina Book Festival, la kermesse letteraria e culturale ideata e diretta da Antonella Ferrara, di scena in presenza dal 17 al 21 giugno. Leggi tutto…

Categorie:Eventi Tag:

IL CIELO PENDE DAI LAMPIONI di Enzo Cannizzo

“Il cielo pende dai lampioni” di Enzo Cannizzo (Algra): intervista all’autore

* * *

di Domenico Trischitta

Grammichele è una città siciliana geometricamente perfetta, esagonale nelle viscere del centro ed esagonale nel tracciato perimetrale che la racchiude. E ha una luce particolare che non ammette incertezze, soprattutto nella controra, l’ora meridiana di allucinate apparizioni, come scrive Maria Attanasio nella sua illuminante prefazione a questa raccolta fulminante di Enzo Cannizzo (“Il cielo pende dai lampioni“, Algra editore). Il titolo ci rimanda ad un’oniricità cromatica di Dalì, ma gli unici colori che riconosce Cannizzo sono le bicromie in bianco nero, come nelle foto di Giuseppe Leone, come nei ricordi di Gesualdo Bufalino, o come nei versi degli amati Piccolo e Ripellino (di cui fa ampia ricognizione critica Giovanni Miraglia). E ci si chiede come mai in quel perimetro calatino è concentrato quel microcosmo poetico che ha dato i natali ad Attanasio, Seminerio, Capuana, Bonaviri. Anche a Cannizzo e Perrotta, che sono stati allievi di Maria Attanasio, sacerdotessa vestale che di poesia fa vita. Leggi tutto…

L’ADDIO A FRANCO BATTIATO

L’ADDIO A FRANCO BATTIATO (dal Tg1 delle 13.30)

Leggi tutto…

LA GRANDE INVASIONE 2021

DAL 27 AL 30 MAGGIO 2021 LA NONA EDIZIONE DELLA GRANDE INVASIONE

La grande invasione - Festival della lettura

IL FESTIVAL DELLA LETTURA DI IVREA

L’appuntamento apre la stagione dei festival estivi richiamando a Ivrea, candidata a Capitale italiana del libro 2022, lettori, scrittori, giornalisti, illustratori, traduttori e appassionati della lettura di ogni età. Più di 90 ospiti, oltre 60 incontri, 5 mostre, 30 lezioni

 * * *

Dal 27 al 30 maggio 2021 torna La grande invasione, il festival della lettura di Ivrea, che giunge alla nona edizione proponendo un intenso calendario di incontri dal vivo: 90 ospiti, oltre 60 incontri, 5 mostre, 30 lezioni. Si apre così la rassegna estiva “A riveder le stelle – Ivrea Summer Festival”.

Curato da Marco Cassini e Gianmario Pilo, con Lucia Panzieri e Silvia Trabalza per la sezione Piccola invasione, il festival è una radicata consuetudine per tutta la “comunità dei libri” che come ogni anno trova casa a Ivrea, candidata a Capitale italiana del libro 2022. Leggi tutto…

OMAGGIO A FRANCO BATTIATO: All’ombra della luce

Pubblichiamo, come omaggio a Franco Battiato (che ci ha lasciati oggi), questo contributo del poeta e scrittore Sebastiano Bulgaretta tratto dal suo volume “Alle soglie del témenos”

* * *

All’ombra della luce

di Sebastiano Burgaretta

Difendimi dalle forze contrarie/…quando il mio percorso si fa incerto/…e non mi abbandonare mai./ Riportami nelle zone più alte/ in uno dei tuoi regni di quiete. Solo qualche anno, allorché avvenne il nostro primo incontro, era passato da quando aveva scritto e pubblicato questa sublime preghiera, che è pure diventata mia preghiera costante lungo il tempo. Ci incontrammo nel febbraio del ’94, quando, previo contatto telefonico, andai a trovarlo a Milo, per invitarlo a tenere una relazione al Convegno “Gli orizzonti di Giufà”, che si sarebbe tenuto a Noto alla fine del successivo aprile. Fu molto cordiale nell’accoglienza che fece a me e a chi mi accompagnava, Giovanni Di Maria, curatore del Convegno, che a me si era rivolto per contattarlo, e Dario, mio figlio, allora sedicenne.

Nelle battute preliminari si meravigliò lì per lì compiaciuto del fatto che, gli dissi, conoscevo la sua produzione sin dalle incisioni di Fetus e Pollution, anche se mostrò subito di considerare queste due incisioni cose del suo passato, che s’era lasciato dietro come superate e lontane da ciò che ormai artisticamente egli era. Passando al motivo del nostro incontro, dopo averci attentamente ascoltato, accettò con entusiasmo l’invito e poi ci intrattenne per più di un’ora in una interessante conversazione che toccò vari argomenti. Leggi tutto…

LE COSE GIUSTE di Silvia Ferreri (un estratto)

Pubblichiamo un brano estratto da “Le cose giuste” di Silvia Ferreri (Rizzoli)

Dall’autrice finalista al Premio Strega, cinque storie di donne che la vita ha scelto di sfidare. E che hanno scelto di raccontarsi, e di ricominciare.

* * *

Quando tutto è pronto, quando tutta la loro vita è stata caricata sul furgone, esce Marisa, per ultima.
In braccio porta due bambini piccoli, come una Madonna dalla doppia maternità, come una profuga sotto le bombe, a capo basso, piegata sui figli per proteggerli.
Il dettaglio che ricorda sempre, ogni volta che torniamo a parlare di quella sera, è che ha comprato due pigiami nuovi, uno blu con le macchinine per Francesco, uno rosso con i gattini per Ottavia. Della fuga in Egitto, la sua mente prostrata ricorda i colori dei pigiami dei suoi figli.
La fanno sistemare dietro, i sedili dell’auto abbassati; lei si stende con Francesco alla sua sinistra e Ottavia alla sua destra. Da allora, a ogni nuovo viaggio li disporrà così. Come in un copione ripetuto in cui ogni dettaglio deve restare uguale, pena la condanna, pena la morte, a ogni nuova fuga Marisa viaggerà per centinaia di chilometri abbracciata ai figli, con il piumone giallo steso sul retro della macchina, le copertine per avvolgerli, una borsa frigo con il cibo, delle bottiglie d’acqua, un fornellino da campeggio, delle bacinelle, perché a ogni sosta, in ogni casa, in ogni località protetta lei possa provvedere a nutrirli, a lavarli, ad accudirli. Leggi tutto…

IL TEMPIO DELL’ATTESA di Gianni Bonina (recensione)

“Il tempio dell’attesa” di Gianni Bonina (Bertoni)

 * * *

di Alfio Siracusano

È difficile immaginare un tempo più carico di mistero dei primi decenni di quella che si è convenuto di chiamare Era volgare, che si fa cominciare dalla nascita di Gesù Cristo. E la ragione è che da allora mutarono radicalmente le basi, antiche di almeno nove secoli, su cui poggiava la cultura. Che andò disincrostandosi dalle vecchie categorie greco-latine fondate sugli dei dell’Olimpo, e vide irrompere al suo interno il messaggio nuovo venuto dall’oscura vicenda accaduta in Palestina di un predicatore che si definiva figlio di Dio, operava “miracoli” e del quale si diceva addirittura che fosse “risuscitato” dopo la sua condanna a morte. I suoi insegnamenti, che i discepoli si ingegnavano a trasmettere, erano rivoluzionari e parlavano di uguaglianza tra gli uomini, di ultimi che sarebbero diventati primi, di ingiustizie che avrebbero avuto ricompensa nel regno dei cieli e via dicendo. Leggi tutto…

IN UN TEMPO ABBASTANZA LUNGO di Giampaolo Nicolais

“In un tempo abbastanza lungo. Le famiglie a lezione dalla pandemia” di Giampaolo Nicolais (Edizioni San Paolo)

* * *

di Helena Molinari

Giampaolo Nicolais è uno psicoterapeuta e professore associato di Psicologia dello sviluppo e dell’educazione e della scuola di specializzazione in Psicologia clinica presso la facoltà di medicina e psicologia dell’Università di Roma La Sapienza.
Lo si evince nella lettura di questo suo ultimo libro. Eppure c’è una narrazione, c’è una letteratura con innesti che spaziano e da cui dipartono le sue considerazioni (o a cui attingono).
Un libro che parla di famiglie anche con gli occhi della sua medesima, in tempo di pandemia.
Lo ringraziamo vivamente per gli ottimi spunti utili di riflessione e per aver risposto generosamente alle nostre domande.

– “Any place is good enough to live a life in” Robert Louis Stevenson.
Qualsiasi luogo è sufficientemente buono per viverci dentro.
In tempo di pandemia, in specie nel primo lockdown, si è stati un po’ costretti a sperimentarne il senso, pur nel fermo immagine di un tempo che invece scorreva delle stesse lancette d’orologio di sempre, nell’inconsapevolezza di ciò che stava accadendo e persino delle nostre certezze.
Leggi tutto…

A DAVID GROSSMAN il Taobuk Award 2021

Il Taobuk Award 2021, prestigioso riconoscimento internazionale conferito dal Taobuk Festival, andrà allo scrittore israeliano David Grossman

David Grossman - copyright Claudio Sforza

Un riconoscimento letterario e un Premio all’impegno civile del grande scrittore. ​ David Grossman riceverà il Taobuk Award 2021 per l’Eccellenza Letteraria nel Teatro Antico di Taormina, sabato 19 giugno, nel corso della Serata di Gala del festival. E domenica 20 giugno sarà protagonista, a Taormina, di una conversazione pubblica dedicata ai suoi libri.

 * * *

Va allo scrittore israeliano David Grossman, uno dei narratori più importanti e amati del nostro tempo, il Taobuk Award for Literary Excellence 2021 assegnato da Taormina Book Festival. «Taormina Book Festival – spiega la fondatrice e direttrice artistica Antonella Ferrara – anticipa l’annuncio programmato per la conferenza stampa di illustrazione del suo cartellone, riconoscendo nell’opera e nella scrittura di Grossman quella “fiammella pilota” capace di alimentare un fragile equilibrio di pacifica convivenza e la speranza di un cambiamento. Vogliamo guardare alle sue parole come a un auspicio di metamorfosi dei fondamentalismi in un desiderio condiviso di pace e sicurezza, soprattutto in questi giorni di scontri tra Israele e Hamas: una visione che l’autore condivide da sempre con i suoi lettori». Leggi tutto…

BUGIARDE SI DIVENTA di Felicia Kinglsey: incontro con l’autrice

“Bugiarde si diventa” di Felicia Kinglsey (Newton Compton): incontro con l’autrice e un brano estratto dal libro

* * *

Felicia Kinglsey è nata nel 1987, vive in provincia di Modena e lavora come architetto. Matrimonio di convenienza, il suo primo romanzo inizialmente autopubblicato, ha riscosso grande successo in libreria con Newton Compton ed è diventato il secondo ebook più letto del 2017.

Il nuovo romanzo di Felicia Kinglsey si intitola “Bugiarde si diventa“, anche questo pubblicato da Newton Compton. Abbiamo chiesto all’autrice di parlarcene…

 * * *

«È capitato a me, è capitato a molte mie amiche e continua a capitare a tanti millennials, i nati dal 1982 al 1997, di sentirsi in ritardo», ha detto Felicia Kinglsey a Letteratitudine.
«Ritardo per cosa? Per un caffè? Per un treno? Per un viaggio?
No, in ritardo per la vita.
Giunti alla soglia dei trent’anni ci siamo guardati e ci siamo resi conto che non eravamo dove in teoria tutti sia aspettavano che noi fossimo: in una casa di nostra proprietà, con un lavoro stabile ed economicamente autosufficienti, in una relazione amorosa piena, appagante con eventuale fede già infilata al dito o in prossimità di esserlo, almeno un figlio in cantiere, una station wagon e un piano pensionistico integrativo che non si sa mai. Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 3 al 9 maggio 2021 – questa settimana segnaliamo “L’uomo del porto” di Cristina Cassar Scalia (Einaudi)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 3 al 9 maggio 2021

Questa settimana segnaliamo: “L’uomo del porto” di Cristina Cassar Scalia (Einaudi), al 1° posto in classifica generale

 * * *

In prima posizione: “L’uomo del porto” di Cristina Cassar Scalia (Einaudi)

In seconda posizione: “Per tutto il resto dei miei sbagli” di Camilla Boniardi (Mondadori)

In terza posizione: “Alabama” di Alessandro Barbero (Sellerio)

* * *

La scheda del libro: “L’uomo del porto” di Cristina Cassar Scalia (Einaudi)

Catania. Nella grotta di un fiume sotterraneo usata come saletta da un locale molto noto viene ritrovato il cadavere di un uomo: lo hanno accoltellato. Una brutta faccenda su cui dovrà fare luce il vicequestore Vanina Guarrasi che, come se non bastasse, da qualche settimana è pure sotto scorta.

Vincenzo La Barbera, professore di filosofia presso il liceo classico, era un tipo solitario, che usava come casa una vecchia barca a vela ormeggiata nel porto ed era amatissimo dagli studenti. Niente debiti, né legami con la malavita. Eppure qualcuno lo ha ucciso, lasciando il suo corpo nel letto dell’Amenano, un corso d’acqua che secoli fa un’eruzione dell’Etna ha ricoperto di lava e che ora scorre sotto il centro storico della città. Vanina Guarrasi – la cui esistenza si è complicata, casomai ce ne fosse bisogno, per via di una minaccia di morte giunta dalla mafia palermitana – prende in mano l’indagine. Di indizi, nemmeno l’ombra. Il mistero è assai complesso, e forse ha le sue radici nel passato ribelle della vittima. Per risolverlo, però, Vanina potrà contare ancora una volta sull’aiuto dell’impareggiabile commissario in pensione Biagio Patanè.

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 L’uomo del porto Cristina Cassar Scalia Einaudi 18,50
2 Per tutto il resto dei miei sbagli Camilla Boniardi Mondadori 18,00
3 Alabama Alessandro Barbero Sellerio Editore Palermo 15,00
4 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
5 La canzone di Achille Madeline Miller Marsilio 11,00 T
6 Le italiane. Il Paese salvato dalle donne Aldo Cazzullo Solferino 18,00
7 E verrà un altro inverno Massimo Carlotto Rizzoli 16,50
8 Il pane perduto Edith Bruck La nave di Teseo 16,00
9 Finché il caffè è caldo Toshikazu Kawaguchi Garzanti 16,00
10 Il sogno di Sooley John Grisham Mondadori 22,00

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

DANTE ENIGMA di Matteo Strukul: intervista all’autore

“Dante enigma” di Matteo Strukul (Newton Compton): intervista all’autore e un brano estratto dal libro

 * * *

Nel suo nuovo romanzo storico, Matteo Strukul (foto in basso – © Marco Bergamaschi), autore della saga bestseller “I Medici”, tradotto in 24 Paesi e vincitore del Premio Bancarella, si cimenta con la figura di Dante Alighieri.

Il titolo del libro è “Dante enigma” e lo pubblica Newton Compton (come i precedenti)

 * * *

di Massimo Maugeri

Nel contesto della celebrazione del settecentesimo anno della morte di Dante, Matteo Strukul torna in libreria con un nuovo romanzo incentrato sulla figura dell’Alighieri da giovane, con l’obiettivo di fornirne un ritratto inedito.
Ho avuto il piacere di discuterne con l’autore…

– Caro Matteo, sulla figura di Dante Alighieri si è scritto di tutto. Quali sono gli elementi caratterizzanti di questo tuo romanzo?
Caro Massimo, il mio romanzo prova a raccontare il giovane Dante: quello innamorato dell’amore, maestro del Dolce Stil Novo, certo, ma anche feditore di prima linea e guerriero suo malgrado, reduce di guerra, affetto da epilessia o da shock traumatico post-bellico, fiorentino e guelfo orgoglioso che vive in una città sbranata dalle faide, marito incostante e uomo incatenato a un vincolo matrimoniale imposto. È un Dante per buona parte inedito e di cui si è scritto molto poco. Leggi tutto…

DI LUCE PROPRIA di Raffaella Romagnolo: incontro con l’autrice

“Di luce propria” di Raffaella Romagnolo (Mondadori): incontro con l’autrice e un brano estratto dal libro

* * *

Raffaella Romagnolo è nata a Casale Monferrato nel 1971 e vive sulle colline tra Piemonte e Liguria. Tra i suoi romanzi: La masnà (Piemme), Tutta questa vita (Piemme), Destino (Rizzoli). Con La figlia sbagliata (Frassinelli) è stata candidata al premio Strega nel 2016, mentre Respira con me (Pelledoca) è stato finalista al premio Strega Ragazze e Ragazzi 2020. I suoi libri sono tradotti in tedesco, francese, olandese, greco, ebraico, arabo e portoghese.

Il nuovo romanzo di Raffaella Romagnolo si intitola “Di luce propria” (Mondadori). Abbiamo chiesto all’autrice di parlarcene…

 * * *

«In questa storia c’è un orfano», ha detto Raffaella Romagnolo a Letteratitudine. «Di più, un “esposto”, cioè un bambino abbandonato nella ruota dell’ospedale di Genova, il Pammatone. L’anno è il 1855 e lui, Antonio Casagrande, è anche difettoso, ha un occhio cieco, la pupilla lattea. Ragion per cui non lo vuole nessuno. L’ultimo degli ultimi. Cresce così, aggirandosi nei reparti degli scrofolosi e delle puerpere, affacciandosi al teatro anatomico, dentro camerate che puzzano di piscio, a contatto con la morte che è tutt’uno con la vita del Pammatone. Leggi tutto…

LA MILANESIANA 2021: IL PROGRESSO

La Milanesiana 2021, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, giunta alla ventiduesima edizione, si svolgerà dal 13 giugno al 6 agosto.

Letteratura Musica Cinema Scienza Arte Filosofia Teatro Diritto Economia Sport

L’intero programma è disponibile qui

 * * *

* * *

di Elisabetta Sgarbi

La Milanesiana dello scorso anno si era svolta nella parentesi di tempo in cui il Covid aveva allentato la sua presa e aveva concesso qualche ora, giorno, settimana di libertà.

Sapevamo che non sarebbe stata una soluzione definitiva, non ci eravamo fatti illusioni, ma qualche illusione la avevamo comunque coltivata.

La ventiduesima edizione della Milanesiana, la seconda nella lunga e dolorosa stagione della pandemia, continua a coltivare le virtù del coraggio, della speranza, della fiducia (tutti temi affrontati nelle scorse edizioni) e anche qualche sana illusione.

Inizierà il 13 giugno per (non) finire il 6 agosto. Perché già so che l’autunno accenderà di nuovo La Milanesiana da qualche parte, a Codogno a Parigi, e chissà dove ancora.

Questa estate toccheremo ventidue città italiane e allestiremo nove mostre, che ringrazio per l’ospitalità e per avere creduto in un progetto nato a Milano ma che evidentemente oltre Milano è andato: Leggi tutto…

A TUTTO VOLUME 2021: anticipazioni

“A TUTTO VOLUME” apre la stagione dei festival culturali e riconsegna le piazze ai libri e ai lettori dal 10 al 13 giugno a Ragusa.

Tra le novità apertura in riva al mare e iniziative per celebrare Dante

 * * *

RAGUSA – “A Tutto Volume – libri in festa a Ragusa” aprirà la stagione dei grandi eventi estivi e riconsegnerà le piazze ai libri, ai lettori e agli autori. Lo farà dal 10 al 13 giugno prossimi rilanciando il desiderio di stare insieme, la volontà di condivisione, di scambio, di incontro in quell’universo emozionale che i libri e la cultura riescono a creare magicamente. Per questo il festival sceglie luoghi inediti, lontani dal convenzionale: una piazza, un atrio, un giardino, una spiaggia se è il caso, laddove è più facile liberare l’animo umano dalla quotidianità. Come nella scorsa edizione, anche per questa, la dodicesima, gli incontri sono previsti in presenza e sempre in massima sicurezza, secondo i protocolli in corso. Leggi tutto…

Categorie:Eventi Tag:

PREMIO CAMPIELLO 2021: la finale il 4 settembre all’Arsenale di Venezia

Premio Campiello 2021: la finale il 4 settembre per la prima volta all’Arsenale di Venezia; Andrea Delogu sarà la conduttrice della serata, in diretta su Rai 5

Presentato il Campiello Junior, un nuovo riconoscimento letterario

L’annuncio oggi a Milano durante l’evento #CampielloRacconta a Villa Necchi Campiglio

 * * *

Milano, 11 maggio 2021 – Sarà Andrea Delogu a condurre la serata finale del Premio Campiello, che si terrà sabato 4 settembre per la prima volta all’Arsenale di Venezia. Un debutto in un luogo iconico, simbolo dell’ingegno dei veneziani e del loro saper fare, cuore pulsante della città in cui è nato, 59 anni fa, il Premio istituito dagli Industriali del Veneto.

L’annuncio è stato dato oggi a Milano durante l’evento #CampielloRacconta a Villa Necchi Campiglio, bene del FAI – Fondo Ambiente Italiano, nel corso del quale è stata presentata la 59^ edizione del concorso di narrativa italiana contemporanea promosso dalla Fondazione Il Campiello – Confindustria Veneto. Leggi tutto…

OSTAGGI D’ITALIA. TRE VIAGGI OBBLIGATI NELLA STORIA di Dario Borso (un estratto)

Pubblichiamo un brano estratto dal volume “Ostaggi d’Italia. Tre viaggi obbligati nella storia” di Dario Borso (Exòrma)

 * * *

Tre diari di soldati semplici, che cercano di tornare a casa dopo mesi e anni di guerra e prigionia, e tre disfatte di Stato: Adua, Caporetto e l’armistizio dell’Otto settembre. Testimonianze autentiche che illuminano mezzo secolo di Storia italiana, dal 1896 al 1945. L’alpino di Belluno, il granatiere e il marinaio trevisani scrivono in modo elementare, claudicante, a volte sgrammaticato ma riescono a farci rivivere in pieno la loro condizione, la trincea, la paura, la sconfitta, lo spaesamento, la volontà di sopravvivere. Dario Borso racconta come ciascuno di questi brevi testi sia venuto alla luce e ne ricostruisce con grande attenzione storico-critica le trascrizioni, le fasi di revisione e di riscrittura di Giovanni Comisso, il contesto culturale e le vicende editoriali. Sono pagine inedite (corredate da foto di repertorio, di oggetti personali e manoscritti) che attraversano le zone più intime di vite modeste, persone ostaggio di guerre certamente non volute, gettate d’autorità sul campo di battaglia, nei luoghi della disfatta.

* * *

“Ostaggi d’Italia. Tre viaggi obbligati nella storia” di Dario Borso (Exòrma)

Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 26 aprile al 2 maggio 2021 – questa settimana segnaliamo “Greenlights. L’arte di correre in discesa” di Matthew McConaughey (Baldini + Castoldi)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 26 aprile al 2 maggio 2021

Questa settimana segnaliamo: “Greenlights. L’arte di correre in discesa” di Matthew McConaughey (Baldini + Castoldi), al 7° posto in classifica generale

 * * *

In prima posizione: “Per tutto il resto dei miei sbagli” di Camilla Boniardi (Mondadori)

In seconda posizione: “Alabama” di Alessandro Barbero (Sellerio)

In terza posizione: “Il pane perduto” di Edith Bruck (La nave di Teseo)

* * *

La scheda del libro: “Greenlights. L’arte di correre in discesa” di Matthew McConaughey (Baldini + Castoldi – traduzione di Stefano Travagli)

«Ho preso un biglietto di sola andata per il deserto, ed è nato questo libro: un album, una testimonianza, una storia della mia vita finora. Qui sono racchiusi cinquant’anni di cose che ho sperimentato, sognato, inseguito, dato e ricevuto; alcune valide, altre vergognose. Le volte in cui l’ho fatta franca, quelle in cui mi hanno beccato, e quelle in cui mi sono bagnato ballando sotto la pioggia.»

«Sono in questa vita da cinquant’anni, ne scruto l’enigma da quarantadue, e da trentacinque tengo un diario pieno di idee su come risolverlo. Appunti su successi e fallimenti, gioie e dolori, cose che mi hanno stupito o che mi hanno fatto ridere di cuore. Appunti su come essere sereno. Come stressarmi di meno. Come godermela. Come fare meno male agli altri. Come fare meno male a me stesso. Come diventare un brav’uomo. Come dare un significato alla mia vita. Come essere più io. Solo di recente ho trovato il coraggio di riprendere in mano i miei diari: vi ho trovato storie del mio passato, lezioni apprese e dimenticate, poesie, preghiere, rimedi, convinzioni, alcune fotografie molto belle e un mucchio di adesividaparaurti (nel libro vi spiego cosa intendo). Ho trovato anche un filo conduttore, un approccio alla vita che mi ha dato soddisfazione allora e che funziona anche oggi: se sai come, e quando, affrontare le sfide, puoi sperimentare quello stato glorioso che io chiamo “greenlight”, semaforo verde. Così ho preso un biglietto di sola andata per il deserto, ed è nato questo libro: un album, una testimonianza, una storia della mia vita finora. Qui sono racchiusi cinquant’anni di cose che ho sperimentato, sognato, inseguito, dato e ricevuto; alcune valide, altre vergognose. Le volte in cui l’ho fatta franca, quelle in cui mi hanno beccato, e quelle in cui mi sono bagnato ballando sotto la pioggia. Spero che sia come una medicina con un buon sapore, come un paio di aspirine invece del pronto soccorso, come un’astronave verso Marte senza bisogno di avere la patente e come le risate tra le lacrime. È una lettera d’amore. Alla vita. (È anche un manuale per trovare più “greenlight” e su come imparare a gestire le delusioni. Buona fortuna.)»

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Per tutto il resto dei miei sbagli Camilla Boniardi Mondadori 18,00
2 Alabama Alessandro Barbero Sellerio Editore Palermo 15,00
3 Il pane perduto Edith Bruck La nave di Teseo 16,00
4 La canzone di Achille Madeline Miller Marsilio 11,00 T
5 Sulla tua parola. Messalino. Letture della messa commentate per vivere la parola di Dio. Maggio-giugno 2021 Editrice Shalom 4,00
6 E verrà un altro inverno Massimo Carlotto Rizzoli 16,50
7 Greenlights. L’arte di correre in discesa Matthew McConaughey Baldini + Castoldi 23,00
8 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
9 Il mostruoso femminile. Il patriarcato e la paura delle donne Jude Ellison Sady Doyle Tlön 18,00 *
10 Le italiane. Il Paese salvato dalle donne Aldo Cazzullo Solferino 18,00

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

IL SILENZIO DEI GIORNI di Rosa Maria Di Natale: incontro con l’autrice

“Il silenzio dei giorni” di Rosa Maria Di Natale (Ianieri edizioni): incontro con l’autrice e stralcio del libro

* * *

Rosa Maria Di Natale, giornalista professionista, vive e lavora a Catania. Ha vinto il “Premio Ilaria Alpi” nel 2007 con una video-inchiesta. È stata docente a contratto di Giornalismo, comunicazione e Nuovi media all’Università di Catania e ha pubblicato Potere di Link – Scritture e letture dalla carta ai nuovi media (Bonanno, 2009). Promuove e coordina gruppi di lettura in presenza e sul web. Ha pubblicato racconti su Linus e Maltese Narrazioni.

Abbiamo incontrato l’autrice e le abbiamo chiesto di raccontarci qualcosa su questo suo primo romanzo: “Il silenzio dei giorni”

 * * *

«Quando ho iniziato a scrivere “Il silenzio dei giorni” sono partita da una domanda», ha detto Rosa Maria Di Natale a Letteratitudine: «cosa accade se si decide di restituire la verità alla propria storia familiare a distanza di tanti anni?
Poi ne è arrivata un’altra più urgente: quanto costa sopravvivere al dolore? Leggi tutto…

È Vibo Valentia la Capitale italiana del libro per il 2021

Vibo Valentia: Capitale italiana del libro per il 2021

Il Ministro Dario Franceschini: Una bellissima competizione

 * * *

“È Vibo Valentia la Capitale italiana del libro per il 2021. È stata proclamata all’unanimità”. Lo ha comunicato in diretta zoom il ministro della cultura, Dario Franceschini al termine della selezione svolta da una giuria di esperti presieduta da Romano Montroni. “Una bellissima competizione: 23 città, 6 finaliste, una vincitrice. Tutti insieme per sostenere il libro e la lettura. Dopo Chiari e Vibo Valentia, seguiranno per tanti e tanti anni altre città. La Capitale del libro nasce dall’esperienza molto importante della Capitale italiana della Cultura che ha mostrato nelle diverse edizioni la capacità della cultura di
mettere in moto meccanismi virtuosi” ha dichiarato il ministro Franceschini dopo aver letto le motivazioni della scelta. Leggi tutto…

“Voci nel silenzio ” di Paolo Sidoti

“Voci nel Silenzio” di Paolo Sidoti: una raccolta di 12 racconti

* * *

Bartolo è un naufrago raccolto in mare da un barcone di migranti. Marcella trova la fuga dal suo matrimonio con la magia del cinema. Stefania è vittima della violenza di un mostro. Sergio e il suo amore cieco e malato. Marco e la sua ultima tappa vinta al Giro d’Italia. Ester e il suo domani svelato dai torocchi. Biagio e la misteriosa ragazza con la Smart bianca. Adriano scoprirà nel futuro il prezzo della sua libertà. Rosaria e il suo quartiere che non esiste più.  Alberto e Luca e le loro corse sulle orme di Caino e Abele. Nicuzza una storia che durata 60 anni, vista attraverso i suoi occhi di bambina.  Stella e la sua rinascita dopo il Covid, all’alba di un amore sospeso. Leggi tutto…

Festival internazionale di Poesia civile 2021

Al poeta svedese Jesper Svenbro premio alla carriera in Italia: il Festival di poesia civile ricorda Ferlinghetti, Loi e Zagajewski

Festival internazionale di Poesia Civile

  * * *

Dal 19 al 22 maggio gli eventi conclusivi della 16a edizione del festival internazionale di Vercelli. Tra gli ospiti Grübein, Barbero e Favetto. Nel programma in streaming conferenze, reading e omaggi, con un premio Brassens a Peppe Servillo e targa alla carriera al poeta e traduttore Franco Buffoni.

  * * *

Sarà lo svedese Jesper Svenbro, membro dell’Accademia di Svezia e studioso della cultura classica italiana, il poeta premiato alla carriera nella XVI edizione del Festival internazionale di poesia civile di Vercelli mercoledì 19 maggio 2021 alle ore 21, in diretta da Stoccolma, con reading da Apollo blu ( edizione Interlinea) a cura di Maria Cristina Lombardi e musiche di Nicolò Manachin, dopo un slauto del presidente del festival luigi Di Meglio. Leggi tutto…

IO, AGRÒ E IL GENERALE di Domenico Cacopardo (recensione)

“Io, Agrò e il generale” di Domenico Cacopardo (Marsilio)

 * * *

di Alfio Siracusano

Ogni libro, specie se meritevole di lettura, ha sempre un fondo da cui germina, come un albero frondoso che si alimenta della feracità che gli trasmettono le radici e che lui esprime nel rigoglio dei rami, delle foglie e dei frutti. In un libro essi sono la sua scrittura, i suoi personaggi, i fatti che racconta, le idee che veicola, i turbamenti che suscita.
Questo mi è avvenuto di pensare leggendo quest’ultimo romanzo di Domenico Cacopardo, Io, Agrò e il generale (Marsilio 2021, pagg. 473), che peraltro mi è parso anche nuovo rispetto ai suoi precedenti. E non è che sia mutato lo stile. Come sempre Cacopardo è narratore puntiglioso, implacabile nella ricostruzione dei fatti fino alle minuzie, preciso nel mettere il lettore dentro i meccanismi delle procedure, acuto nel disegnare i protagonisti del lavoro giudiziario, ciascuno col suo carattere, le sue fisime, a volte le sue leggerezze, in definitiva la sua umanità. Aggiungerei che sta qui la sua pòiesis, la sua capacità di creare un mondo sì di fantasia ma vero della verisimiglianza dei caratteri, della naturalezza dei gesti e dei comportamenti. Tanto più dentro una trama di eventi che discopre un mondo doppio, del crimine e della legge, rivelandolo nella sua cruda verità. Leggi tutto…

Taobuk 2021: la Metamorfosi del Tarassaco

Taobuk 2021 conferma le sue date in presenza e affida al Tarassaco il ruolo di “ambasciatore visivo” dell’11^edizione dedicata al tema “La Metamorfosi”

L’11^ edizione della kermesse ideata e diretta da Antonella Ferrara, è confermata in presenza dal 17 al 21 giugno 2021 negli splendidi scenari dell’isola di Taormina.

Ambasciatore della necessità e insieme dell’opportunità di trasformazione che il nostro tempo esprime, il tarassaco è metafora di resilienza, del naturale e circolare flusso della vita, ma anche un segnale in direzione della ripresa sostenibile: evolvere per vivere meglio, in armonia con i ritmi della natura, nel rispetto dell’ambiente e della terra. Leggi tutto…

Categorie:Annunci, Eventi Tag:

MARIA GRAZIA CALANDRONE racconta SPLENDI COME VITA

Per gli Autoracconti d’Autore di Letteratitudine: MARIA GRAZIA CALANDRONE racconta il suo romanzo “Splendi come vita” (Ponte alle Grazie), presentato all’edizione 2021 del Premio Strega da Franco Buffoni

* * *

di Maria Grazia Calandrone

Avere una storia come la mia ed essere scrittrice significa sentirsi ripetere per anni «Perché non la scrivi?», significa avere più di una proposta editoriale per un’autobiografia da scrivere e significa, però, dover trovare il tono giusto per parlare di sé senza parlare di sé, perché la mia intenzione è sempre stata quella di adoperare la mia storia per raccontare una relazione universale o, più modestamente, almeno sociale.

Ho fatto un primo tentativo qualche anno fa, rimanendo calata nel mio punto di vista per raccontare i cambiamenti dell’Italia, in particolare di Roma, la mia città. Ma il risultato sembrava una copia addensata, mediterranea, dell’idea acuminata di Annie Ernaux. A Roma ci sono troppe ombre, l’aria è troppo profonda, occorreva più io, perché a Roma l’io è completamente superfluo, irrisorio, è una città che ha visto nascere, passare e morire troppe vite, per dolersi o gloriarsi davvero di una singola esistenza. Sotto gli occhi di Roma i nostri drammi sono molecole di un gran fiume vitale che da millenni attraversa l’essere, senza parola. A Roma cambiano peso e prospettiva dell’identità, la terza persona Ernaux non funziona, suona meccanica e artificiosa: qui il nostro io deve venire esposto, perché non ha importanza. Qui si tratta di dare il cattivo esempio. Leggi tutto…

FESTIVAL DELLE LETTERATURE MIGRANTI 2021: un’edizione tutta al femminile

FESTIVAL DELLE LETTERATURE MIGRANTI
image

VII edizione – 27/31 ottobre 2021
“Corpo Condiviso”

 

Un’edizione declinata interamente al femminile con sole autrici donne protagoniste dei dibattiti

Sarà un’edizione interamente declinata al femminile con sole autrici protagoniste dei dibattiti, dedicata al sentire e al sapere letterario, politico, scientifico e creativo delle donne e alla loro visione del mondo. Per la VII edizione, in programma a Palermo dal 27 al 31 ottobre, il Comitato di direzione del Festival delle Letterature Migranti ha scelto di riservare lo spazio di riflessione di FLM allo sguardo femminile, alle voci che meglio hanno saputo interpretare questo tempo difficile e la domanda di cambiamento che arriva dalla società. Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 19 al 25 aprile 2021 – questa settimana segnaliamo “Alabama” di Alessandro Barbero (Sellerio)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 19 al 25 aprile 2021

Questa settimana segnaliamo: “Alabama” di Alessandro Barbero (Sellerio), al 2° posto in classifica generale

 * * *

In prima posizione: “Per tutto il resto dei miei sbagli” di Camilla Boniardi (Mondadori)

In seconda posizione: “Alabama” di Alessandro Barbero (Sellerio)

In terza posizione: Sulla tua parola. Messalino. Maggio-giugno 2021 (Shalom)

 

* * *

La scheda del libro: “Alabama” di Alessandro Barbero (Sellerio)

Il nuovo romanzo di Alessandro Barbero. Uno sguardo nella storia degli Stati Uniti, all’origine di quegli spettri che sono tornati ad agitarsi.

Alcuni anni fa, nei suoi percorsi e studi da storico, Barbero ha incontrato una storia che non poteva essere racchiusa in un saggio. Ed è quella di Alabama, che pur non essendo nato come reazione alla storia recente ne anticipa i motivi profondi, scandagliandone l’oscurità delle viscere. È la vicenda di un eccidio di neri, di «negri», durante la Guerra di Secessione, la prima grande lacerazione nazionale che divide il paese tra chi vuole bandire la schiavitù e chi non ne ha nessuna intenzione. Ed è la storia di bianchi pulciosi e affamati che vanno in guerra per pochi spiccioli e che sentono il diritto naturale di fare dei negri quello che vogliono. Tutto questo diventa il racconto fluviale, trascinante, inarrestabile, dell’unico testimone sopravvissuto, Dick Stanton, soldato dell’esercito del Sud, stanato e pungolato in fin di vita da una giovane studentessa che vuole ricostruire la verità. Verità storica e romanzesca, perché Barbero inventa una voce indimenticabile, comica e inaffidabile, logorroica e irritante, dolente e angosciosa, che trascina il lettore in quegli abissi che ancora una volta si sono riaperti. Il nuovo romanzo di Barbero va davvero a toccare i tratti del carattere americano che sono deflagrati negli eventi dell’ultimo anno e degli ultimi mesi: la questione del suprematismo bianco, il razzismo profondo che innerva persino le istituzioni, la mentalità paranoica, l’orgoglio e la presunzione di farsi giustizia da sé, la violenza che scaturisce dalla povertà, dalla rabbia, da ciò che si vive come ingiusto sulla propria pelle e che si rovescia su chi è ancora più debole.

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Per tutto il resto dei miei sbagli Camilla Boniardi Mondadori 18,00 *
2 Alabama Alessandro Barbero Sellerio Editore Palermo 15,00
3 Sulla tua parola. Messalino. Letture della messa commentate per vivere la parola di Dio. Maggio-giugno 2021 Editrice Shalom 4,00
4 Gli occhi di Sara Maurizio De Giovanni Rizzoli 19,00
5 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
6 La canzone di Achille Madeline Miller Marsilio 11,00 T
7 A Sir Phillip, con amore. Serie Bridgerton. Vol. 5 Julia Quinn Mondadori 14,50 T *
8 A grandezza naturale Erri De Luca Feltrinelli 13,00
9 Elisabetta. Per sempre regina. La vita, il regno, i segreti Antonio Caprarica Sperling & Kupfer 19,50

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

Il nuovo romanzo di MURIEL BARBERY si intitola “Una rosa sola”

Il nuovo romanzo dell’autrice dell’Eleganza del riccio (un successo da due milioni di copie solo in Italia) sarà in libreria dal 12 maggio. Si intitola “Una rosa sola” e sarà pubblicato dalle Edizioni E/O, come i precedenti (Traduzione dal francese di Alberto Bracci Testasecca)

* * *

Nel nuovo romanzo, Muriel Barbery racconta la storia di una donna e del suo reimparare a vivere in un Giappone che ha il profumo dei fiori e dei ricordi lontani.

Rosa fa la botanica, ha quarant’anni, vive a Parigi ed è tristissima. O, per meglio dire, è depressa. Conosce i fiori, ma non li guarda; le piacciono gli uomini, ma solo per una sera; niente la appassiona, niente riesce a smuoverla dalla cappa plumbea in cui trascorrono le sue giornate, la vita le sembra un faticoso percorso senza senso. Cosı̀ è quasi per forza d’inerzia che parte per Kyoto per assistere all’apertura del testamento del padre. Leggi tutto…

EDITH BRUCK riceve l’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto questa mattina al Quirinale Edith Bruck alla quale ha conferito l’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana

Dopo la calorosa visita del Pontefice, Papa Francesco, un’altra bella notizia legata all’ultimo libro di Edith Bruck, candidato alla LXXV edizione del Premio Strega.

Ne approfittiamo per riproporre l’ascolto della puntata radiofonica di Letteratitudine, curata e condotta da Massimo Maugeri (e trasmessa da Radio Polis), dedicata al romanzo di Edith Bruck”Il pane perduto” (La nave di Teseo) con ospite la stessa autrice.

Di seguito, il video dell’incontro tra il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ed Edith Bruck e le dichiarazioni di Elisabetta Sgarbi (direttore editoriale de La nave di Teseo)

Leggi tutto…

LA TIGRE DI NOTO di Simona Lo Iacono (recensione)

“La tigre di Noto” di Simona Lo Iacono (Neri Pozza)

[Il nuovo romanzo di Simona Lo Iacono, “La tigre di Noto“, sarà disponibile in libreria a partire da domani, 29 aprile. Venerdì 30 aprile 2021, alle h. 19, il libro sarà presentato in anteprima nazionale con la partecipazione dell’autrice presso la Libreria Bonanzinga con diretta sulla pagina Facebook della libreria (locandina in coda all’articolo).

* * *

di Emma Di Rao

“E cosa sarebbe stata, poi, la vita se qualcuno non l’avesse raccontata?”. In queste parole, contenute nel romanzo L’albatro di Simona Lo Iacono, è forse da ricercare il momento generativo dell’ultima fatica letteraria della scrittrice, La tigre di Noto, edita da Neri Pozza. A permearne il dispositivo narrativo è infatti la ricostruzione della vicenda biografica di Marianna Ciccone che, nata a fine Ottocento nella città di Noto, dedicò l’intera esistenza all’insegnamento universitario e alla ricerca scientifica, rivedendo il luogo natio, “stazione di partenza e di ritorno”, solo in tarda età. Pervenuta all’autrice “per ignoti transiti”, tale figura ha poi assunto valenza letteraria in quello spazio, raro e prezioso, in cui personaggio e autore si incontrano e in cui la scrittura sottrae il vivere terreno al buio dell’indifferenza e dell’oblio. Leggi tutto…

“FRANCESCO DE GREGORI. I testi. La storia delle canzoni” di Enrico Deregibus

“Francesco De Gregori. I testi. La storia delle canzoni” (Giunti) di Enrico Deregibus

 * * *

di Massimo Maugeri

Il volume “Francesco De Gregori. I testi. La storia delle canzoni” (Giunti, 2020) nasce da un lavoro ventennale di Enrico Deregibus sul cantautore romano. Deregibus, peraltro (giornalista, saggista, consulente e direttore artistico di svariati festival ed eventi musicali) è considerato il maggior esperto di Francesco De Gregori. Ho colto l’occasione, dunque, per invitarlo a Letteratitudine e per discutere con lui, partendo proprio da quest’ultimo libro, di questo grande cantautore che con la sua musica e i suoi testi ci ha fatto sognare (e continua a farlo) offrendoci anche spunti di riflessione…

– Enrico, come nasce questo volume dedicato alla storia delle canzoni di Francesco De Gregori? E che connessione c’è con il tuo precedente libro “Mi puoi leggere fino a tardi”, dove racconti la vita di questo grande artista della nostra musica?
Per risponderti devo fare un rapido salto indietro di più di 20 anni, al 2000, quando ho iniziato a fare di mestiere il giornalista musicale e l’organizzatore di rassegne. Ero un grande consumatore di libri sulla musica e quindi mi è venuto spontaneo pensare subito di farne uno. De Gregori era certamente uno degli artisti che stimavo e conoscevo di più, quindi mi è venuto altrettanto spontaneo farlo su di lui, anche perché fino a quel momento mancavano i libri davvero validi su di lui, tranne uno molto bello di Giorgio Lo Cascio, che però era un suo amico e compagno di musica dei primissimi tempi e quindi raccontava le cose da un punto di vista molto soggettivo. Leggi tutto…

SALERNO LETTERATURA 2021

SALERNO LETTERATURA: 18-26 giugno

Il tema della nona edizione sarà “Le occasioni”

Oltre 100 eventi e alcuni tra i nomi più rilevanti della cultura italiana e internazionale a cominciare dal Premio Nobel Olga Tokarczuk

  * * *

Dal 18 al 26 giugno ritorna Salerno Letteratura, il più grande festival letterario del Sud: nove giorni a cui parteciperanno scrittori, musicisti, attori e artisti italiani e stranieri. L’ideatrice e direttore organizzativo della manifestazione Ines Mainieri, i codirettori artistici Gennaro Carillo, Matteo Cavezzali e Paolo Di Paolo, la responsabile del programma ragazzi Daria Limatola e lo staff storico di Salerno Letteratura hanno progettato un’edizione molto particolare del festival, giunto alla sua nona edizione, con un programma di oltre 100 eventi. Leggi tutto…

25 APRILE 2021: l’Intervento del Presidente Mattarella alla Cerimonia in occasione del 76° anniversario della Liberazione

L’intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla Cerimonia in occasione del 76° anniversario della Liberazione

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione del suo intervento alla cerimonia del 76° Anniversario della Liberazione

* * *

Palazzo del Quirinale, 25/04/2021

Rivolgo un saluto ai Presidenti del Senato, della Camera, del Consiglio, della Corte Costituzionale. Ai rappresentanti dell’Anpi e delle Associazioni combattentistiche e partigiane e d’arma.

Sono passati settantasei anni da quando – il 25 aprile del 1945 – la voce di Sandro Pertini lanciava, dai microfoni Radio Milano Liberata, a nome del Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia e del Corpo Volontari della Libertà il proclama di insurrezione nazionale contro le truppe nazifasciste.

Una data simbolica della guerra di Liberazione, scelta dalla Repubblica Italiana per ricordare la conclusione del conflitto sanguinoso, la fine della brutale e spietata occupazione nazista, il crollo definitivo del fascismo. Leggi tutto…

LE MAGNIFICHE INVENZIONI di Mara Fortuna: incontro con l’autrice

“Le magnifiche invenzioni” di Mara Fortuna (Giunti): incontro con l’autrice e un brano estratto dal libro

* * *

Mara Fortuna è insegnante, giornalista e scrittrice. Nel corso della vita ha sperimentato un gran numero di attività: dalla danza all’arte di strada, alla cura della terra, e ha viaggiato quanto più poteva. Come giornalista ha scritto di questioni di genere e di danza. Ha già pubblicato racconti, su quotidiani e all’interno di raccolte. Ha fondato e dirige “La Principessa Azzurra APS”, un’associazione contro la discriminazione e la violenza di genere, per la quale organizza laboratori di educazione ai sentimenti, scrittura e drammatizzazione.

Le magnifiche invenzioni” è il suo primo romanzo (ma sta già lavorando al secondo).

Abbiamo chiesto all’autrice di parlarcene… Leggi tutto…

CAMPIELLO GIOVANI: I CINQUE FINALISTI

CAMPIELLO GIOVANI: ANNUNCIATI I 5 FINALISTI

https://64.media.tumblr.com/758f6388adde2d3d6a3bdc0c88ace721/819c4093f6dd0d9b-de/s540x810/3cbbecccbb1164237aee7b1c0d15e7e5e1427014.jpg

Provengono 1 dalla Campania, 3 dalla Lombardia, 1 dal Veneto

 * * *

È stata annunciata oggi la cinquina finalista della 26^ edizione del Campiello Giovani, concorso letterario rivolto ai ragazzi tra i 15 e i 22 anni, organizzato dalla Fondazione Il Campiello – Confindustria Veneto.

I cinque finalisti sono: Salvatore Lamberti, 19 anni di Scisciano (NA), con il racconto “Roman”, Shannon Magri, 22 anni di Castel Gabbiano (CR) con il racconto “Kiyoshi nella tempesta”, Martina Sangalli, 21 anni di Carugo (CO) con il racconto “Blu colomba”, Alice Scalas Bianco, 18 anni di Vigevano (PV) con il racconto “Ritratto di Parigi” e Camilla Tibaldo, 21 anni di Trecenta (RO) con il racconto “La somiglianza”.

I racconti sono stati scelti dal Comitato Tecnico composto da Giuliano Pisani, Giulia Belloni, Michela Possamai e Daniela Tonolini. Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 12 al 18 aprile 2021 – questa settimana segnaliamo “Tempo. Il sogno di uccidere Chrónos” di Guido Tonelli (Feltrinelli)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 12 al 18 aprile 2021

Questa settimana segnaliamo: “Tempo. Il sogno di uccidere Chrónos” di Guido Tonelli (Feltrinelli), al 23° posto in classifica generale

 * * *

In prima posizione: “Gli occhi di Sara” di Maurizio de Giovanni (Rizzoli)

In seconda posizione: “«Più sono poveri più sono nostri». Cento anni al servizio dei bambini. Le Suore della Provvidenza per l’infanzia abbandonata di mons. Francesco Torta” di Federica Villa (Il Duomo)

In terza posizione: “Il genio non esiste (e a volte è un idiota)” di Barbascura X (Tlön)

* * *

La scheda del libro: “Tempo. Il sogno di uccidere Chrónos” di Guido Tonelli (Feltrinelli)

Il tempo non è un concetto astratto. È una sostanza materiale che occupa l’universo intero e si deforma, vibra, oscilla. È nato in modo furibondo e poi ha avuto una strana evoluzione. Ma allora scorre o sta fermo? Esiste o non esiste? E noi possiamo farne a meno? Si può uccidere Kronos?

Esiste un tempo delle grandi distanze cosmiche. Esiste un tempo dell’esperienza, scandito dalla memoria e dal desiderio. Esiste un tempo del battito cardiaco. «Il tempo del mondo è fuori dai cardini; ed è un dannato scherzo della sorte ch’io sia nato per riportarlo in sesto,» dice Amleto. Kronos è un mistero e non solo per i fisici. Lo era per i primi uomini e continua a esserlo per noi oggi. Da Newton a Einstein, da Planck all’orologio cosmico, è stato protagonista di metamorfosi vertiginose, affascinanti e mostruose. Il tempo scorre? Oppure sta fermo? E come si misura? Come fa la gravità a rallentarlo? E in che modo i buchi neri riescono a fermarlo? Da sempre viviamo nel tempo, che però non è eterno. La sua è una lunga storia, segnata da un prima e un dopo. Per avventurarci in questa straordinaria vicenda dobbiamo accettare un paradosso e chiederci cosa ci fosse all’inizio, per immaginare il non-luogo del non-tempo da cui scaturì la coppia indissolubile: spazio-tempo e massa-energia. Avremo bisogno della logica e anche della fantasia, dell’arte e della filosofia per vedere la bizzarra relazione che lega il tempo all’energia, alla massa e alla gravità. Guido Tonelli ci conduce lungo la tortuosa via d’accesso alla comprensione di mondi dominati da effetti relativistici, dove esiste un futuro che arriva prima del passato e anzi lo crea. Un viaggio in cui si impara ad ascoltare anche la misura del nostro tempo interiore, per sentire la velocità e la sospensione, l’attesa e l’accelerazione, che alterano le dimensioni del tempo attraverso i nostri ricordi e le nostre aspettative.

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Gli occhi di Sara Maurizio De Giovanni Rizzoli 19,00
2 «Più sono poveri più sono nostri». Cento anni al servizio dei bambini. Le Suore della Provvidenza per l’infanzia abbandonata di mons. Francesco Torta Federica Villa Il Duomo 15,00 *
3 Il genio non esiste (e a volte è un idiota) Barbascura X Tlön 16,00 *
4 Flora Alessandro Robecchi Sellerio Editore Palermo 15,00
5 Sulla tua parola. Messalino. Letture della messa commentate per vivere la parola di Dio. Maggio-giugno 2021 Editrice Shalom 4,00
6 Il gioco della notte Camilla Läckberg Einaudi 14,00
7 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
8 Stai zitta e altre nove frasi che non vogliamo sentire più Michela Murgia Einaudi 13,00
9 Finché il caffè è caldo Toshikazu Kawaguchi Garzanti 16,00
10 Luì e Sofì, la nostra storia. Il fantalibro dei Me contro Te Me contro Te Mondadori Electa 16,90

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

RIPARTE IL MAGGIO DEI LIBRI nel segno di DANTE

Riparte Il Maggio dei Libri: da domani (venerdì 23 aprile, in corrispondenza con la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore), iniziative e collaborazioni speciali per l’undicesima edizione a tema dantesco. In banca dati superate già le 2.300 iniziative

 * * *

22 aprile 2021. Un’anteprima cinematografica speciale, la rubrica social “Torniamo #inLibreria” a sostegno di case editrici e librerie, lezioni dantesche online, incontri in alcuni dei luoghi più suggestivi del nostro Paese e una fitta rete di iniziative all’estero: sono queste alcune delle principali coordinate dell’undicesima edizione de Il Maggio dei Libri, la campagna ideata dal Centro per il libro e la lettura del Ministero della Cultura che invita gli utenti a realizzare attività di promozione della lettura, in presenza o web, con l’obiettivo di stimolare occasioni di incontro, attivare collaborazioni virtuose e dare impulso alla creazione di progetti e iniziative culturali. Leggi tutto…

PISA BOOK FESTIVAL 2021: si riparte in presenza con varie novità

L’EDIZIONE 2021 DEL PISA BOOK FESTIVAL SI SVOLGERA’ IN PRESENZA… CON IMPORTANTI NOVITA’

 * * *

Il Pisa Book Festival riparte in presenza. Edizione numero 19 con tre grandi novità: nuova sede, nuove date e un Premio per la Traduzione

Da giovedì 30 settembre a domenica 3 ottobre, la fiera degli editori indipendenti sbarca dentro gli Arsenali Repubblicani di Pisa. Nei Musei di Palazzo Blu e delle Navi Antiche di Pisa incontri con gli autori, laboratori e masterclass

Lucia Della Porta, editrice e direttrice del PBF: “Pisa tra le Città del Libro. Anche quest’anno programma di qualità e atmosfera di festa con una formula innovativa e tanto ottimismo” Leggi tutto…

LA PAZIENZA DEL SASSO di Carmela Scotti: incontro con l’autrice

“La pazienza del sasso” di Carmela Scotti (Garzanti): incontro con l’autrice e un brano estratto dal libro

* * *

Carmela Scotti si è diplomata in pittura e fotografia all’Accademia di Belle Arti di Palermo. Ha vissuto a Palermo, a Roma e a Milano, facendo i mestieri più diversi. Oggi vive in Brianza e collabora con i settimanali «Cronaca Vera» e «Tu Style». L’imperfetta, il suo romanzo d’esordio, è stato finalista al prestigioso premio Calvino. Chiedi al cielo è il suo secondo libro.

Il nuovo romanzo di Carmela Scotti si intitola La pazienza del sasso ed è pubblicato da Garzanti, come i precedenti.

Abbiamo chiesto all’autrice di parlarcene…

* * *

«“Le storie sono reperti di un mondo antico e sconosciuto. Spetta allo scrittore estrarle dal suolo il più possibile integre”. Le parole sono di Stephen King, ma io le faccio mie ogni volta che annuso nell’aria il temporale di una nuova storia», ha detto Carmela Scotti a Letteratitudine. «È così da sempre, e a maggior ragione lo è con il mio ultimo romanzo “La pazienza del sasso”, dove il lavoro di “scavo” nel sottosuolo delle mie ossessioni, è stato lungo e meticoloso, spolverino alla mano e attenzione ai dettagli più fragili. Leggi tutto…

ALLE SOGLIE DEL TÉMENOS di Sebastiano Burgaretta

“Alle soglie del témenos” di Sebastiano Burgaretta (Le Fate Editore)

Pubblichiamo un contributo critico di di Doroty Armenia dedicato al nuovo volume di Sebastiano Burgaretta, edito da Le Fate, intitolato “Alle soglie del témenos“. A seguire, un estratto del libro

* * *

QUAL DENSO SCIAME AVVOLTO IN FITTO VOLO di Doroty Armenia  

…quae cum se extulit et ostendit suum lumen

et idem aspexit agnovitque in alio,

ad id se admovet vicissimque accipit illud,

quod in altero est; ex quo exardescit

sive amor sive amicitia.[1]

  1. T. Cicerone, Laelius de amicitia.

 

 

Nel cuore del mito più tragico e oscuro, nella parabola infera dell’antieroe greco per antonomasia, la cui colpa giovanile sprofonda un’intera città nella rovina, ecco penetrare una nota di luce che reca i colori dei fiori di satra, il timo selvatico, e la trasparente dolcezza del miele ibleo, cantato da poeti e prosatori, dai tempi dell’antica Grecia fino ai nostri giorni: nell’Œdipus di Lucio Anneo Seneca, cui il titolo di questa nota fa riferimento, il cieco indovino Tiresia scende nel regno di Ade insieme a Creonte, per attingere lume di verità sulle ragioni delle disgrazie tebane, dalla stessa bocca di Laio; questi accorre al richiamo del vate insieme ad una moltitudine di ombre, tanto numerosa da superare, nel paragone del poeta latino, tutti i fiori dell’Ibla e le api che attorno vi sciamano, volando in fitto nugolo ravvolto[2]. Leggi tutto…

QUELLE IN CIELO NON ERANO STELLE di Nicoletta Bortolotti (recensione)

“Quelle in cielo non erano stelle” di Nicoletta Bortolotti (Mondadori)

Un libro connesso al terribile disastro di #Chernobyl. Il 26 aprile di questo 2021 si celebrerà il 35° anniversario

[In coda alla recensione pubblichiamo un intervento della stessa Nicoletta Bortolotti in cui l’autrice ci racconta qualcosa sulla genesi di questo libro]

 * * *

di Mimmo Muolo

C’è un lupo cattivo. E dei bambini che il lupo vuole divorare. E ci sono però anche “i nostri” che arrivano a salvarli. Nicoletta Bortolotti conosce bene la struttura base delle favole. Ma da grande scrittrice qual è la reinventa completamente e la applica addirittura al più grande disastro nucleare del XX secolo, Chernobyl, raccontandolo a grandi e piccini da un angolo visuale inconsueto e perciò, per alcuni versi ancora più drammatico. Il suo “Quelle in cielo non erano stelle” (Mondadori contemporanea), fresco di stampa e opportunamente pubblicato in vista dei 35 anni del gravissimo incidente, è un romanzo che esula dai confini di genere (la letteratura per ragazzi nel nostro caso), per attingere le vette di una narrazione limpida e profonda, sviluppata attraverso uno stile tagliente e preciso come un bisturi, che in alcuni passaggi si fa incalzante come certe pagine di Raymond Chandler e in altre diventa dolce e familiare come una ninna nanna cantata a fior di labbra. Leggi tutto…

Editoria: in crescita la vendita dei libri nel primo trimestre 2021

Si conferma la crescita della vendita di libri nei primi tre mesi del 2021: +26,6%

* * *

L’editoria libraria italiana continua a crescere anche nei primi tre mesi del 2021, consolidando un trend iniziato nella seconda metà del 2020. Secondo i dati elaborati dall’Associazione Italiana Editori (AIE), dal primo gennaio al 28 marzo, le vendite dei libri a stampa a prezzo di copertina nei canali trade (librerie, online e grande distribuzione organizzata) sono cresciute del 26,6% a valore e del 26,7% a copie vendute rispetto allo stesso periodo all’anno precedente. Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 5 all’11 aprile 2021 – questa settimana segnaliamo “La scuola ci salverà” di Dacia Maraini (Solferino)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 5 all’11 aprile 2021

Questa settimana segnaliamo: “La scuola ci salverà” di Dacia Maraini (Solferino), al 12° posto in classifica generale

 * * *

In prima posizione: “Gli occhi di Sara” di Maurizio de Giovanni (Rizzoli)

In seconda posizione: “Flora” di Alessandro Robecchi (Sellerio)

In terza posizione: “Stai zitta e altre nove frasi che non vogliamo sentire più” di Michela Murgia (Einaudi)

* * *

La scheda del libro: “La scuola ci salverà” di Dacia Maraini (Solferino)

Cosa è successo alla scuola? Come possiamo risollevare le sorti dell’istituzione più importante per il futuro del Paese dopo una fase difficile come quella che sta affrontando? Dovremmo partire dagli insegnanti motivati e capaci che la sorreggono nonostante i molti ostacoli e dal serbatoio di vitalità degli studenti. E poi naturalmente occorre ridare all’istruzione le risorse e la centralità che merita. La scuola può fare la differenza, soprattutto in momenti di crisi. Dacia Maraini ne è convinta e lo testimonia con il suo impegno in difesa dell’insegnamento come negli interventi scritti nel tempo e in alcuni intensi racconti raccolti in questo libro: “L’esame”, “Il bambino vestito di scuro” e “Berah di Kibawa”. Da sempre l’autrice si dedica al dialogo con gli studenti e con i loro docenti approfondendo modelli di apprendimento e impugnando questioni di diritti e di riforma, e in queste pagine racconta una scuola come dovrebbe e potrebbe essere, filtrata dagli occhi di scrittrice, di intellettuale civilmente impegnata e anche di docente. Storie, idee, battaglie e ricordi di una vita intera, dalle lezioni al Liceo di Palermo all’insegnamento nel carcere di Rebibbia. Un viaggio tra i banchi, anche attraverso la forza dell’immaginazione, da cui emerge l’urgenza di garantire ai nostri ragazzi un’istruzione migliore per ridare all’Italia una concreta speranza nell’avvenire.

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Gli occhi di Sara Maurizio De Giovanni Rizzoli 19,00
2 Flora Alessandro Robecchi Sellerio Editore Palermo 15,00
3 Stai zitta e altre nove frasi che non vogliamo sentire più Michela Murgia Einaudi 13,00
4 Il gioco della notte Camilla Läckberg Einaudi 14,00
5 Luì e Sofì, la nostra storia. Il fantalibro dei Me contro Te Me contro Te Mondadori Electa 16,90
6 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
7 Finché il caffè è caldo Toshikazu Kawaguchi Garzanti 16,00
8 La disciplina di Penelope Gianrico Carofiglio Mondadori 16,50
9 Il sistema. Potere, politica affari: storia segreta della magistratura italiana Alessandro Sallusti; Luca Palamara Rizzoli 19,00
10 Un tè a Chaverton House Alessia Gazzola Garzanti 16,40

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

LA LUCE BIANCA DEL MATTINO di Cecilia Parodi: incontro con l’autrice

“La luce bianca del mattino” di Cecilia Parodi (Morellini): incontro con l’autrice e un brano estratto dal libro

* * *

Cecilia Parodi è nata a Genova nel 1975 e attualmente vive in Sardegna. Consegue la maturità magistrale ed inizia subito a lavorare, ma la passione per la scrittura la accompagna fin da bambina. Il desiderio di raccontare storie attraverso racconti brevi, poesie e collaborazioni saltuarie con alcuni mensili liguri, si concretizza con la stesura di questo primo romanzo intitolato La luce bianca del mattino, edito da Morellini.

Abbiamo chiesto all’autrice di parlarcene…

* * *

«Questo romanzo è nato cinque anni fa durante un caldissimo tramonto, mentre tornavo a casa dopo una giornata al mare», ha detto Cecilia Parodi a Letteratitudine. «Stavo guardando il panorama fuori dal finestrino e, all’altezza di Monte Petrosu, ho immaginato al centro di un campo la scena più violenta della storia. In quel momento ho chiuso gli occhi, e mi sono spaventata dei miei stessi pensieri. Leggi tutto…

Taobuk 2021: dal Mediterraneo il nuovo patto per l’Europa

TAOBUK 2021: il nuovo patto per l’Europa parte dal Mediterraneo

Nelle ore in cui si progetta la ripresa, «Taobuk Festival – annuncia la Presidente Antonella Ferrara – lancia un segnale forte dal microcosmo della cultura, confermando le sue date in presenza dal 17 al 21 giugno a Taormina».

 * * *

Focus sulla Metamorfosi di Europa, tema della 2^ Conferenza di Messina e Taormina presentata oggi: «dobbiamo trasformare la struttura oppressiva dell’Unione in qualcosa di molto diverso e, sperabilmente, di autenticamente solidale», auspica lo storico Luciano Canfora. Mentre l’editorialista britannico Bill Emmott, chair della 2^ Europe Conference di Taobuk, commenta: in Europa è mancata la strategia di produzione dei vaccini, ma dagli errori si può imparare per ripartire. La Conferenza di Taobuk potrà dare idee e risposte tempestive per la costruzione di un’Europa migliore». Leggi tutto…

“È Bello Perdersi”: il video del nuovo singolo degli EXTRALISCIO

È uscito oggi il videoclip del nuovo singolo degli “Extraliscio”. Si intitola “È Bello Perdersi” ed è stato diretto da Elisabetta Sgarbi.

image

Il brano è stato scritto da Mirco Mariani e Elisabetta Sgarbi e composto da Mirco Mariani che lo ha registrato con il suo speciale ‘Mariani Orchestrone’, un’invenzione nata nel suo Labotron di Bologna per poter suonare da solo più strumenti contemporaneamente e che è stata adottata per gran parte dell’album “È bello perdersi”. 

 * * *

Leggi l’intervista a Elisabetta Sgarbi: GLI EXTRALISCIO TRA SANREMO E IL NUOVO ALBUM (Elisabetta Sgarbi ci ha raccontato Elisabetta Sgarbi ci racconta della sua esperienza sanremese con gli Extraliscio, del nuovo doppio album della band intitolato “È bello perdersi”, della distribuzione del film “Extraliscio – Punk da Balera. Si ballerà finché entra la luce dell’alba” e, per la prima volta in assoluto, dei nuovi progetti della Betty Wrong Edizioni Musicali)
Leggi tutto…

Lo scrittore Ahmet Altan è finalmente libero

imageIl 14 aprile lo scrittore e giornalista Ahmet Altan (pubblicato in Italia dalle Edizioni E/O) è stato liberato dopo oltre quattro anni e mezzo di prigionia, con una sentenza della Corte di Cassazione turca che ha ribaltato la sua precedente condanna

 

* * *

Sandro Ferri, fondatore delle Edizioni E/O, ha dichiarato: “Siamo felici per il rilascio di Ahmet Altan dal carcere, frutto del suo coraggio, della resistenza del popolo turco, donne e giovani in prima linea, e dell’azione delle istituzioni europee a favore dei valori di libertà e democrazia. Altan non è solo un coraggioso giornalista, ma anche uno scrittore tra i migliori al mondo.
imageNei suoi romanzi i lettori trovano, assieme al racconto della Turchia dall’impero ottomano a oggi, la sensualità e l’intelligenza delle sue protagoniste femminili, le contraddizioni, i limiti, la grandezza di quel paese.
I suoi romanzi ci aiutano a capire la continuità e le differenze delle ambizioni “ottomane” in Medio oriente e nel Mediterraneo, ma anche i meccanismi interni della società turca di ieri e di oggi, un potere tentacolare, la spinta modernista e il peso della tradizione religiosa, la questione femminile, quella curda e tante altre facce di una realtà che è insieme affascinante e minacciosa. Nel suo nuovo romanzo scritto in prigione, Signora vita (che uscirà a maggio), Altan porta avanti la sua riflessione raccontando una storia d’amore carica di sensualità in un paese corroso dalla crisi economica e morale e dall’oppressione di un regime autoritario”. Leggi tutto…

Premio Lattes Grinzane 2021: i 5 finalisti e il Premio Speciale

Sono stati selezionati i 5 finalisti dell’edizione 2021 del Premio Lattes Grinzane. Il Premio Speciale andrà a Margaret Atwood

Premio Lattes Grinzane 2021: i 5 finalisti e il Premio Speciale, XI edizione

* * *

Kader Abdolah (Iran), Bernardine Evaristo (UK), Maylis de Kerangal (Francia), Nicola Lagioia (Italia) e Richard Russo (USA) sono i finalisti del Premio Lattes Grinzane 2021.
Da Bolzano a Trapani, 400 studenti di 25 Giurie Scolastiche leggeranno i cinque romanzi finalisti e il 2 ottobre voteranno il vincitore ad Alba. Il Premio Speciale Lattes Grinzane 2021 è stato tributato a Margaret Atwood. La scrittrice riceverà il premio e terrà una lectio magistralis il 2 ottobre ad Alba Leggi tutto…

LA SIRIA PROMESSA di Hala Kodmani (recensione)

“La Siria promessa” di Hala Kodmani (Brioschi – traduzione di Elisabetta Bartuli)

* * *

di Mario Blancato

Un esiliato politico, al quale fu chiesta un’opinione sullo scoppio di quelle che dieci anni fa (quasi un secolo fa!) furono chiamate con speranza e illusione le primavere arabe, rispose all’intervistatore con un misto di disperazione e di profondo disincanto: “le primavere arabe? Sono state solo un’ora d’aria in una terra, che è e rimarrà a lungo una prigione”.

Immagine efficace, ancor più valida oggi, in cui la stabilizzazione politica di quella parte del mondo, il Medio Oriente, che da circa cento anni non conosce pace, ed in cui le generazioni del XXI secolo non conoscono a fondo il significato reale di fenomeni e fattori di libertà, dignità, pluralismo, laicismo, per non parlare dei sistemi di governo, nei quali prevalga la volontà popolare (democrazia, tolleranza religiosa, presenza di organizzazioni sindacali, strutture giudiziarie autonome, stili di vita individuali, pensieri personali), l’immagine risulta calzante ed appropriata.

Leggi tutto…

E SERBI UN SASSO IL NOME di E. Cacioppo e M. Tafi

“E serbi un sasso il nome. Straordinarie storie comuni affidate a una lapide” di Elisabetta Cacioppo e Massimo Tafi (Pentagora)

* * *

di Helena Molinari

Il campo delle madri, il campo del gran rifiuto, il campo della libertà e dell’eresia, il campo della poesia, il campo della pace e della guerra, il campo dell’inganno, il campo dell’amore e del dovere, il campo del caso e del coraggio.
Nomi noti e ignoti, di vedove, di soldati, di orfani, piccole e grandi storie, frammenti immaginati perché poco sa ricongiungersi alla terra, alla vita di prima. Leggi tutto…

Il Presidente Mattarella alla cerimonia di inaugurazione della piattaforma “Dante.global”

Pubblichiamo l’intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia di inaugurazione della piattaforma “Dante.global”

* * *

di Sergio Mattarella

Sono molto lieto di effettuare questa visita alla ‘Dante Alighieri’ per dare atto e ringraziarla della preziosa attività che da oltre centotrent’anni viene svolta.
Saluto e ringrazio Monica Maggioni, il Presidente Riccardi, il Sottosegretario Della Vedova e il Professor Ferroni.
Saluto i presenti e quanti sono collegati virtualmente, sottolineando che questo incontro suggerisce alcuni temi di riflessione che confermano il ruolo prezioso della ‘Dante Alighieri’.
La prima riflessione è che, pur in presenza di una drammatica pandemia – improvvisa nel suo insorgere e veloce nella sua diffusione in tutto il mondo – è possibile non fermarsi, non chiudersi in se stessi, ma continuare nella propria attività svolgendo la propria missione e trovando strumenti innovativi.
Ne è una conferma questa piattaforma Dante.global che consente di affiancare alla rete tradizionale la rete digitale. Leggi tutto…

PREMIO DE SANCTIS 2021 a Liliana Segre, Claudio Magris, Renè de Ceccatty, Tomaso Montanari

Liliana Segre, Claudio Magris, Renè de Ceccatty e Tomaso Montanari sono i vincitori della X ed. Premio De Sanctis. Oggi alle 18.00 in streaming e su Rai2 la cerimonia da Villa Doria Pamphilj

* * *

Si svolge oggi la cerimonia di premiazione della X edizione del Premio De Sanctis. L’evento, nel rispetto delle disposizioni governative in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemilogica, si terrà in streaming senza pubblico dalla prestigiosa cornice di Villa Doria Pamphilj a Roma, storica sede di rappresentanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri, e sarà trasmesso alle ore 18.00 in diretta su Rai2 a cura della redazione del TG2 e in streaming sulla pagina Facebook della Fondazione De Sanctis https://www.facebook.com/fondazionedesan.

Promosso dalla Fondazione De Sanctis, il Premio ha individuato, fin dalla sua istituzione nel 2009, testi capaci di innovare profondamente nella tecnica e nei contenuti il genere saggistico, ma da quest’anno si apre anche a tutta la letteratura e a illustri personaggi della vita civile del Paese. Leggi tutto…

Natalie Portman protagonista del film tratto da “I giorni dell’abbandono” della Ferrante

Natalie Portman sarà la protagonista del film tratto dall’omonimo romanzo di Elena Ferrante “I giorni dell’abbandono” (pubblicato in Italia dalle Edizioni E/O)

* * *

Natalie Portman (qui accanto, nella foto di Gage Skidmore) sarà protagonista e produttore esecutivo di Days of abandonment, tratto dall’omonimo romanzo I giorni dell’abbandono di Elena Ferrante, che sarà coinvolta in qualità di produttrice esecutiva. Il film sarà una produzione MAVEN/HBO e FANDANGO, in collaborazione con MEDUSA, regia, sceneggiatura e produzione esecutiva di Maggie Bets. Il film è attualmente in preproduzione.

I giorni dell’abbandono è uscito in Italia per Edizioni E/O nel 2002, e negli USA per Europa Editions nel 2005. Già nel 2005 ne è stato tratto un film per la regia di Roberto Faenza. Leggi tutto…

ALICE URCIOLO racconta ADORAZIONE

Per gli Autoracconti d’Autore di Letteratitudine: ALICE URCIOLO racconta il suo romanzo “Adorazione” (66thand2nd), presentato all’edizione 2021 del Premio Strega da Daniele Mencarelli

* * *

di Alice Urciolo

Quando ho iniziato a scrivere Adorazione non sapevo né dove né come sarei arrivata alla fine del percorso, la mia unica guida era un nucleo di temi e di argomenti di cui sentivo l’esigenza di parlare. Adesso, a percorso concluso, la sensazione è quella di aver messo in campo quel nucleo, che i personaggi l’abbiano raccolto, e che poi mi abbiano guidato loro attraverso la scrittura. Insomma, il romanzo ha preso forme diverse sotto i miei occhi e mi ha chiesto di adeguarmi a queste nuove forme.
Ho iniziato a scrivere Adorazione in prima persona: la voce narrante e il punto di vista erano quelli di Diana, una ragazza di sedici anni con una grande voglia a ricoprirle la gamba destra, che lei ha reso il simbolo di tutte le sue insicurezze. Poi, man mano che il mondo attorno a Diana cresceva, che si delineava l’ambientazione – Pontinia, Latina, Sabaudia – e soprattutto acquisivano un profilo definito i personaggi che vi abitavano, il romanzo stesso ha iniziato a cambiare. Leggi tutto…

NICOLA LA GIOIA VINCE IL PREMIO LEOGRANDE 2021 con “La città dei vivi” (Einaudi)

image

Nicola Lagioia con La città dei vivi (Einaudi) vince l’edizione 2021 del Premio Alessandro Leogrande

* * *

Ascolta la puntata radiofonica di Letteratitudine, dedicata a La città dei vivi (Einaudi): Nicola Lagioia in conversazione con Massimo Maugeri

* * *

È il barese Nicola Lagioia con La città dei vivi (Einaudi) ad aggiudicarsi l’edizione 2021 del Premio Alessandro Leogrande al giornalismo letterario di inchiesta con 31 dei 75 voti espressi dai presìdi del libro italiani. La presidente dell’Associazione, Anna Maria Montinaro, ha proclamato il vincitore in diretta sulla pagina facebook dei presìdi oggi 11 aprile nel corso di un incontro condotto da Marino Sinibaldi.

L’Assessore alla Cultura e al Turismo della Regione Puglia Massimo Bray, ospite insieme a tutti i concorrenti, ha plaudito all’iniziativa che si svolge in una regione dai bassi indici di lettura, in nome di un intellettuale che sapeva porsi domande scomode, immaginare il futuro e leggere la realtà anche da un punto di vista ideologico.

Leggi tutto…

RANDAZZO E LA VALLE DELL’ALCANTARA di Federico De Roberto: intervista a Dario Stazzone

“Randazzo e la Valle dell’Alcantara” di Federico De Roberto (Il Convivio): intervista al curatore del libro, Dario Stazzone

 * * *

“De Roberto ha saputo antivedere, come la triste storia delle classi politiche e dirigenti italiane ha ampiamente dimostrato. Ma lo scrittore è stato un innovatore per molti altri versi: si pensi al pluristilismo dei Vicerè…”

* * *

di Massimo Maugeri

Federico De Roberto (Napoli, 16 gennaio 1861 – Catania, 26 luglio 1927) è stato uno dei massimi scrittori della storia della letteratura italiana. Autore, tra gli altri, del celeberrimo romanzo “I Viceré”, la sua attività artistica è caratterizzata da una produzione narrativa assai ricca e poliedrica nell’ambito della quale rientra anche il libro di cui ci occupiamo qui, riedito da Il Convivio, a cura del prof. Dario Stazzone (presidente del Comitato di Catania della Società Dante Alighieri), e intitolato “Randazzo e la Valle dell’Alcantara” (di cui segue la scheda informativa).

Dal lavoro del romanziere Federico De Roberto è nata una guida rivolta ai lettori e viaggiatori colti dell’epoca, un testo ricco di costrutti ecfrastici e spunti saggistici in cui la mimesi sopravanza, com’è ovvio, la diegesi. Ma se il lettore avvertito, sulla scorta di Gérard Genette, è ormai ben consapevole che gli stessi costrutti mimetici possono contenere impliciti narrativi, è utile sottolineare che la strategia adottata dallo scrittore, i diversi inserti letterari e odeporici, le ampie digressioni storiche, i cenni alle biografie dei viaggiatori arricchiscono il testo di non pochi segmenti narrativi che, talvolta, assurgono a toni poetici nell’evocazione dell’Evo Medio. Si tratta di una strategia duttile e complessa che rende utile la lettura della monografia non solo ai fini dello studio della storia dell’arte o dei passi dedicati alla storia locale, ma anche in virtù del valore di non pochi suoi scorci letterari.

Ho chiesto al curatore di parlarci in maniera più approfondita di questo libro, approfittandone per dare spazio alla figura di De Roberto e all’attività svolta dal Comitato di Catania della Società Dante Alighieri, presieduta dallo stesso Dario Stazzone.

– Caro Dario, cosa ti lega – con riferimento ai tuoi interessi letterari e alla tua attività di studioso – alla figura di Federico De Roberto? Leggi tutto…

CLASSIFICA: dal 29 marzo al 4 aprile 2021 – questa settimana segnaliamo “Gli occhi di Sara” di Maurizio de Giovanni (Rizzoli)

I primi 40 titoli in classifica nella settimana dal 29 marzo al 4 aprile 2021

Questa settimana segnaliamo: “Gli occhi di Sara” di Maurizio de Giovanni (Rizzoli), al 1° posto in classifica generale

 * * *

In prima posizione: “Gli occhi di Sara” di Maurizio de Giovanni (Rizzoli)

In seconda posizione: “Flora” di Alessandro Robecchi (Sellerio)

In terza posizione: “Stai zitta e altre nove frasi che non vogliamo sentire più” di Michela Murgia (Einaudi)

* * *

La scheda del libro: “Gli occhi di Sara” di Maurizio de Giovanni (Rizzoli)

Un solo sguardo riporta a galla i segreti più oscuri. In un intreccio che si dipana al pari di un perfetto meccanismo a orologeria, Maurizio de Giovanni scava tra le pieghe della nostra Storia recente e racconta gli inconfessabili segreti di Sara, come non l’abbiamo mai vista. Perché, per la prima volta, gli occhi della donna impenetrabile tradiscono un dolore misterioso e svelano la sua più sincera umanità.

A volte un incontro inatteso spalanca le porte del passato. Succede a Sara mentre sta lottando per salvare la vita del piccolo Massimiliano, il nipotino colpito da una grave malattia. Due occhi riappaiono dalla nebbia di giorni lontani, Sara li conosce bene. Sono gli stessi che tanti anni prima aveva cercato in ogni modo di dimenticare. La donna invisibile è catapultata indietro nel tempo: Napoli, 1990. È caduto il muro di Berlino, gli stati satelliti dell’URSS sono in crisi e in Italia sono esplosi i movimenti studenteschi. Il mondo di prima si sta sgretolando, ma i preparativi fervono e la città si veste a festa per la visita di Papa Giovanni Paolo II. Sara Morozzi, detta Mora, è membro attivo della più segreta unità dei Servizi. A lei e a Bionda, la collega Teresa Pandolfi, viene affidata la missione più importante e delicata della loro carriera. Proprio in quei giorni, Sara incrocia quello sguardo. Occhi a cui è impossibile restare indifferenti. Così, mentre il tempo scorre all’indietro, la Sara di oggi deve fare i conti con le passioni e i tradimenti di ieri. In un intreccio che si dipana al pari di un perfetto meccanismo a orologeria, Maurizio de Giovanni scava tra le pieghe della nostra Storia recente e racconta gli inconfessabili segreti di Sara, come non l’abbiamo mai vista. Perché, per la prima volta, gli occhi della donna impenetrabile tradiscono un dolore misterioso e svelano la sua più sincera umanità.

* * *

Posizioni dal n. 1 al n. 10

Pos. Titolo Autore Editore Prezzo Tasc. Note
1 Gli occhi di Sara Maurizio De Giovanni Rizzoli 19,00
2 Flora Alessandro Robecchi Sellerio Editore Palermo 15,00
3 Stai zitta e altre nove frasi che non vogliamo sentire più Michela Murgia Einaudi 13,00
4 Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin E/O 18,00
5 La disciplina di Penelope Gianrico Carofiglio Mondadori 16,50
6 Finché il caffè è caldo Toshikazu Kawaguchi Garzanti 16,00
7 Le storie del quartiere Lyon Gamer Magazzini Salani 15,90
8 Il sistema. Potere, politica affari: storia segreta della magistratura italiana Alessandro Sallusti; Luca Palamara Rizzoli 19,00
9 Un tè a Chaverton House Alessia Gazzola Garzanti 16,40
10 Dante Alessandro Barbero Laterza 20,00

 

Posizioni dal n. 11 al n. 40

Leggi tutto…

A giugno il nuovo romanzo di Valérie Perrin: si intitola TRE

Valérie Perrin, nuovo romanzo e dal 22 aprile arriva l’audiolibro.

 * * *

Uscirà a giugno il nuovo romanzo dell’autrice di “Cambiare l’acqua ai fiori”: il libro più venduto dell’anno, oltre 350.000 copie in Italia, due milioni nel mondo. Si intitola “Tre” e sarà pubblicato dalle Edizioni E/O.

Di seguito, le prime informazioni su “Tre” di Valérie Perrin (Edizioni E/O, giugno 2021)

* * *

«Mi chiamo Virginie. Di Nina, Adrien ed Étienne, oggi Adrien è l’unico che ancora parla con me. Nina mi disprezza. Quanto a Étienne, sono io che non voglio più saperne di lui. Eppure fin dall’infanzia mi affascinano. Sono sempre stata legata soltanto a loro tre». Leggi tutto…

RACCONTARE SCIASCIA di Angelo Campanella e Giuseppe Maurizio Piscopo

Esce per l’editore Navarra il volume “Raccontare Sciascia” di di Angelo Campanella e Giuseppe Maurizio Piscopo

A cento anni dalla nascita, un libro racconta l’esperienza intellettuale e umana di Leonardo Sciascia

* * *

Raccontare Sciascia di Angelo Campanella e Giuseppe Maurizio Piscopo, con un saggio introduttivo di Salvatore Ferlita e un ricco inserto fotografico di Angelo Pitrone: un libro che narra gli aspetti salienti, meno conosciuti, curiosi che riguardano la vita di Leonardo Sciascia, il primo autore a parlare della mafia in un romanzo, e la sua vasta produzione.

Il testo contiene due interviste a Giacomo Lombardo e Franco Nicastro e un QR Code per ascoltare il “Tema di Regalpetra”, brano inedito di Giuseppe Maurizio Piscopo che costituisce la colonna sonora del libro.

Abbiamo chiesto agli autori di raccontarci qualcosa sulla genesi di questo libro…

Leggi tutto…

HAPPYNEXT di Simone Cristicchi

“HappyNext. Alla ricerca della felicità” di Simone Cristicchi (La nave di Teseo)

 * * *

di Erika Di Giorgio

Che Simone Cristicchi sia un artista a trecentosessanta gradi, lo sapevamo già. Ne dà ulteriore conferma con questo progetto multiforme incentrato sul concetto di felicità e realizzato attraverso la musica, uno spettacolo teatrale, un film documentario di Andrea Cocchi e la pubblicazione di un libro. Il libro in questione lo pubblica La nave di Teseo e si intitola – come l’omonimo spettacolo teatrale – “HappyNext. Alla ricerca della felicità“. E forse non è un caso che esca nel corso della cosiddetta terza ondata della pandemia da Covid-19, quando di felicità ce n’è davvero (disperato) bisogno. Ma cos’è, intanto, la felicità? Qual è il suo reale significato? Esiste davvero? E dove risiede? Leggi tutto…

CINQUE SORELLE di Cinzia Giorgio: incontro con l’autrice

Cinque sorelle. La saga della famiglia Fendi” di Cinzia Giorgio (Newton Compton): incontro con l’autrice e un brano estratto dal libro

* * *

Cinzia Giorgio è dottore di ricerca in Culture e Letterature Comparate. Si è specializzata in Women’s Studies e in Storia Moderna, compiendo studi anche all’estero. Organizza salotti letterari, è direttore editoriale del periodico Pink Magazine Italia e insegna Storia delle Donne all’Uni.Spe.D. È autrice di saggi scientifici e romanzi. Con la Newton Compton ha pubblicato Storia erotica d’Italia, Storia pettegola d’Italia, È facile vivere bene a Roma se sai cosa fare e quattro romanzi: La collezionista di libri proibiti, La piccola libreria di Venezia, La piccola bottega di Parigi e I migliori anni.

Il nuovo romanzo di Cinzia Giorgio, anche questo pubblicato da Newton Compton, si intitola: Cinque sorelle. La saga della famiglia Fendi

Abbiamo chiesto all’autrice di parlarcene…

* * *

«La leggenda legata alla famiglia Fendi», ha detto Cinzia Giorgio a Letteratitudine, «racconta che la mattina Adele Casagrande portasse con sé tutte e cinque le figlie quando usciva di casa per andare nel negozio di via del Plebiscito a Roma, e che mentre lavorava in laboratorio le allattasse, mettendole a dormire nei cassetti destinati alle borse. Siamo alla fine degli anni Venti e il nome Fendi non era ancora molto noto. Leggi tutto…