Archivio

Archive for the ‘Premi Letterari’ Category

PREMIO LETTERARIO CHIANTI 2019: vince ROSELLA POSTORINO

ROSELLA POSTORINO, con il romanzo “Le assaggiatrici” (Feltrinelli), vince la 32esima edizione 2018-2019 del PREMIO LETTERARIO CHIANTI

Risultati immagini per le assaggiatrici letteratitudine

E’ Rosella Postorino con il suo romanzo “Le assaggiatrici” (Ed. Feltrinelli, con una trama costruita sulle donne che dovevano assaggiare i cibi del Fuhrer e restare sotto osservazione per un’ora affinché le guardie si accertassero che non fossero avvelenati) la vincitrice della XXXII edizione del Premio letterario Chianti.

Le votazioni, con gli oltre 300 giurati, si sono svolte nei locali del “Giardino di Zago” a Greve in Chianti. I cinque autori finalisti della XXXII edizione del Premio erano: Carlo Carabba (Come un giovane uomo, ed. Marsilio), Valentina Farinaccio (Le poche cose certe, Mondadori), Lia Levi (Questa sera è già domani, E & O), Massimo Maugeri (Cetti Curfino, La nave di Teseo) e Rosella Postorino (Le assaggiatrici, Feltrinelli).
Gli autori finalisti hanno incontrato in cinque Comuni del territorio chiantigiano fiorentino e senese la giuria popolare di 350 lettori (con il coinvolgimento delle biblioteche locali), in confronti che si sono tenuti di sabato in località del Chianti fiorentino e senese

I cinque finalisti del Premio letterario Chianti Leggi tutto…

PREMIO BIELLA LETTERATURA E INDUSTRIA 2019: i finalisti

PREMIO “BIELLA LETTERATURA e INDUSTRIAXVIII edizione

proclamazione dei finalisti: Rossana BALDUZZI GASTINI, Giorgio FALCO, Maurizio GAZZARRI, Alberto PRUNETTI, Eugenio RASPI. PREMIO SPECIALE DELLA Giuria a Silvino Gonzato

  * * *

Torino, 13 maggio 2019 Salone Internazionale del Libro di Torino, sala Argento.

Nella prestigiosa cornice del 32mo Salone Internazionale del Libro di Torino sono stati annunciati i nomi dei cinque finalisti del Premio Biella Letteratura e Industria XVIII edizione. Cinque romanzi che concorreranno per un premio del valore di 5mila euro, che sarà consegnato durante la cerimonia conclusiva, in programma il 16 novembre 2019 presso l’Auditorium di Città Studi di Biella. In quell’occasione saranno consegnati anche il premio Giuria dei Lettori, il Premio Confindustria Piemonte, il Premio Concorso per le Scuole “Cuore, testa, mani”, il premio Lions Bugella Civitas per la migliore recensione.

Storie di riscatto e di marchi d’eccellenza, il lavoro come ascensore sociale, il coraggio dell’ingegno, il declino della working class e la fabbrica come unico punto di riferimento esistenziale.  Sono questi i temi che emergono sullo sfondo dei cinque romanzi che si contenderanno il XVIII Premio Biella Letteratura e Industria. Leggi tutto…

PREMIO TITO MASCALI 2019

Sono giunti alla 5^ edizione il Premio Letterario “Tito Mascali” ed il Premio Giornalistico “Raccontare Catania”. Premiati: lo scrittore Massimo Maugeri e il giornalista del Tg1 Giuseppe La Venia. Menzioni speciali allo Chef Seby Sorbello e all’assessore alla Cultura e Grandi eventi del Comune di Catania, Barbara Mirabella

image

I Premi sono stati fondati e organizzati dall’Associazione Culturale “Gabriele d’Annunzio” con il sostegno e patrocinio dell’Associazione Siciliana della Stampa, Sezione Provinciale di Catania

 * * *

La cerimonia di premiazione 2019 si è svolta venerdì 10 maggio nell’aula magna della facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Catania, nell’ambito della conferenza su: “News e giornalismo di prossimità nell’èra della globalizzazione”, inserita nel calendario degli incontri formativi dell’Ordine dei Giornalisti.

Prestigiosi anche quest’anno i nomi dei premiati, nell’ambito della letteratura e del giornalismo e con due “menzioni speciali” che hanno arricchito ulteriormente il Premio.

Per la sezione Letteratura il Premio Letterario “Tito Mascali” 2019 è andato allo scrittore catanese Massimo Maugeri, con la motivazione: “Per la Sua scrittura ricca di messaggi culturali e priva di barriere mediatiche”. Leggi tutto…

PREMIO STREGA EUROPEO 2018: il vincitore è DAVID DIOP

David Diop, con Fratelli d’anima, pubblicato da Neri Pozza e tradotto da Giovanni Bogliolo, si aggiudica la sesta edizione del Premio Strega Europeo

Romanzo che è valso al suo autore il prestigioso premio Goncourt des Lycéens e l’entusiastico e unanime apprezzamento della critica, “Fratelli d’anima” mostra come nel naufragio totale della civiltà rappresentato dalla Grande Guerra non soltanto l’Europa, ma anche una parte non trascurabile dell’Africa perse la sua anima e la millenaria tradizione che la custodiva.

 * * *

Nato nel 2014 in occasione del semestre di presidenza italiana del Consiglio dell’Unione Europea per diffondere la conoscenza di alcune tra le voci più originali e profonde della narrativa contemporanea, il Premio Strega Europeo è promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, dall’azienda Strega Alberti Benevento, dalla Casa delle Letterature di Roma e in collaborazione con BPER Banca e con il Salone Internazionale del libro di Torino.

L’Europa era al centro degli interessi di Antonio Megalizzi, giovane giornalista radiofonico di Trento ucciso a Strasburgo nell’attentato dell’11 dicembre scorso. Ha scritto Antonio: “Inseguo le mie passioni: il giornalismo e l’Europa. Vorrei che i giovani come me lo capissero. Mai come oggi un’Europa unita è cruciale e mai come oggi siamo a un passo dal distruggerla.” Questa edizione del Premio Strega Europeo è dedicata alla sua memoria.

Nel corso della cerimonia di premiazione, che ha avuto luogo al Circolo dei lettori di Torino nell’ambito della rassegna Salone OFF, condotta dalla giornalista Eva Giovannini, sono intervenuti, con i cinque autori finalisti, Giulio Biino, presidente del Circolo dei Lettori, Maria Ida Gaeta, direttrice di Casa delle Letterature e del Festival Internazionale Letterature, Emanuele Sacerdote, membro del CDA dell’azienda Strega Alberti Benevento, Giovanni Solimine, presidente della Fondazione Bellonci e Eugenio Tangerini, responsabile delle relazioni esterne di BPER Banca.

Leggi tutto…

I VINCITORI DEL PREMIO MONDELLO 2019

Il Premio Letterario Internazionale Mondello: proclamati i vincitori della XLV edizione

Sono stati proclamati i vincitori della quarantacinquesima edizione del Premio Letterario Internazionale Mondello: sono Giulia Corsalini con La lettrice di Čechov (Nottetempo), Marco Franzoso con L’innocente (Mondadori), Andrea Gentile con I vivi e i morti (minimumfax), per la sezione Opera ItalianaRaffaele Manica con Praz (Italo Svevo), per la sezione Mondello Critica.

I vincitori del Premio Opera Italiana e del Premio Mondello Critica sono stati scelti dal Comitato di Selezione, composto dal critico letterarioe saggista Massimo Onofri, dal docente e saggista Gianluigi Simonetti e dalla scrittrice e giornalista Bianca Stancanelli.

I tre romanzi vincitori del Premio Opera Italiana, saranno sottoposti al voto di centoventi lettori
“forti”, indicati da ventiquattro librerie di tutta Italia, scelte in partenariato con l’inserto Domenica
de Il Sole 24 Ore. Le loro preferenze saranno espresse tramite votazione online, da giugno a
ottobre, e decreteranno il vincitore del Premio SuperMondello, riconoscimento che sarà consegnato a novembre a Palermo.
In parallelo, una giuria di centottanta studenti di diciotto scuole secondarie di secondo grado,
decreterà il vincitore del Premio Mondello Giovani. Gli studenti leggeranno i tre romanzi in gara e
voteranno il loro preferito, motivando la scelta con un giudizio critico. Ai migliori tre giudizi scritti
dagli studenti, il Comitato di Selezione assegnerà il Premio alla Migliore Motivazione. Tutti i
riconoscimenti saranno consegnati a novembre a Palermo.

I vincitori si aggiungono al Premio Autore Straniero, conquistato da Colum McCann,che sarà premiato sabato 11 maggio 2019 al Salone Internazionale del Libro di Torino (ore 14.30, in Sala Azzurra, Lingotto Fiere) in un incontro aperto al pubblico condotto dallo scrittore Giorgio Fontana, giudice monocratico, e presieduto da Giovanni Puglisi, presidente del Premio.

 * * *

APPROFONDIMENTI E MOTIVAZIONI Leggi tutto…

PREMIO ALVARO BIGIARETTI 2019: vince Nicoletta Bortolotti

NICOLETTA BORTOLOTTI con il romanzo Chiamami sottovoce (HarperCollins) vince
il PREMIO LETTERARIO ALVARO-BIGIARETTI 2019 

Nicoletta Bortolotti ci ha raccontato del suo libro nell’ambito della rubrica incontro con l’autore

Menzione speciale della Giuria Scientifica a LEONARDO COLOMBATI per il romanzo Estate (Mondadori)

 * * *

Il Comitato Direttivo del Premio letterario Corrado Alvaro e Libero Bigiaretti presieduto da Giorgio Nisini, ricevuti i voti della Giuria Scientifica e della Giuria Popolare, si è riunito nella casa di campagna dei due scrittori e ha decretato che il romanzo vincitore della quinta edizione è Chiamami sottovoce di Nicoletta Bortolotti (HarperCollins)Leonardo Colombati, con il romanzo Estate (Mondadori), ha ricevuto la maggioranza dei voti della Giuria Scientifica, ottenendo la menzione speciale di quest’ultima, come previsto dal bando.

La premiazione si svolgerà sabato 25 maggio 2019 a Vallerano (VT) ore 11.00. Leggi tutto…

RAUL MONTANARI VINCE IL PREMIO LETTERARIO LA PROVINCIA IN GIALLO

Raul Montanari, autore del romanzo “La vita finora” (Baldini + Castoldi), è il vincitore dell’ottava edizione del Premio letterario “La Provincia in Giallo”

image

Il premio è organizzato dal Rotary Club Cairoli, Club del Distretto 2050, con una Giuria presieduta da Mino Milani e formata da Bianca Garavelli, Andrea Maggi, Giuliano Pasini, Flavio Santi.

 

Questa la motivazione:
La vita finora - Raul Montanari - copertina“Il romanzo trasferisce la grande tradizione del noir in un contesto provinciale, mettendo in scena un apocalittico confronto tra forze generazionali contrastanti, di assoluta attualità. Ciò che è antico sembra essere scritto nella roccia in questo ambiente rarefatto, dove le catene montuose paiono garantire l’esclusione dalle leggi del tempo e dello spazio. Ma è solo apparenza: la caduta dell’alleanza fra genitori e docenti, propria del mondo adulto, si ripercuote sulla fragilità, travestita da forza arrogante, del mondo degli adolescenti.
La scrittura evocativa e la singolare capacità di creare trame dell’autore si fondono in una storia di tensione dal ritmo incalzante, in cui i peggiori incubi prendono corpo e voce, mostrandoci in un crescendo inquietante i mali estremi della nostra società”.
Bianca Garavelli

Leggi tutto…