Home > Anticipazioni > SONO FRANCESCO di Edith Bruck (La nave di Teseo) – anticipazione

SONO FRANCESCO di Edith Bruck (La nave di Teseo) – anticipazione

ottobre 13, 2022

Sono Francesco - Edith Bruck - copertina“Sono Francesco” di Edith Bruck (La nave di Teseo): prefazione di Papa Francesco, postfazione di Noemi Di Segni – anticipazione

Il libro sarà disponibile dal 20 ottobre

* * *

«Di fronte all’insensata follia della guerra, abbiamo nuovamente bisogno di lenire gli estremismi della contrapposizione e di curare le ferite dell’odio.
Una testimone di tragiche violenze passate come Edith Bruck ha recentemente detto che la pace ha un suo segreto: non odiare mai nessuno. Se si vuole vivere, non si deve mai odiare.»
Papa Francesco, 27 luglio 2022

Nel febbraio 2021 Edith Bruck riceve a casa una visita eccezionale: Papa Francesco la incontra, colpito dalla “lettera a Dio” che la scrittrice ha appena pubblicato. L’incontro storico fra il pontefice e Edith è nel segno dell’emozione e del dialogo tra due tradizioni, quella cattolica e quella ebraica, unite dalla parola ma divise dagli orrori del ventesimo secolo.
Quell’abbraccio inatteso diventa per Edith il punto di inizio di una profonda riflessione sulla sua identità, sull’amore eterno per il marito Nelo Risi, sul senso di colpa che prova oggi per l’affetto verso il Papa, un uomo buono che pure rappresenta la stessa Chiesa che non ha difeso i fratelli ebrei.
Un libro commovente, che attraversa la vicenda personale e letteraria di una grande testimone del Novecento e offre ai lettori di ogni età una parola di speranza e di pace.

* * *

Sono Francesco - Edith Bruck - copertina

EDITH BRUCK
SONO FRANCESCO
collana le Onde, pp. 96, 12 euro

Prefazione di Papa Francesco
Postfazione di Noemi Di Segni

 * * *

EDITH BRUCK, di origine ungherese, è nata nel 1931 in una povera, numerosa famiglia ebrea. Nel 1944, poco più che bambina, il suo primo viaggio la porta nel ghetto del capoluogo e di lì ad Auschwitz, Dachau, Bergen Belsen. Sopravvissuta alla deportazione, dopo anni di pellegrinaggio approda definitivamente in Italia, adottandone la lingua. Nel 1959 esce il suo primo libro Chi ti ama così, un’autobiografia che ha per tappe l’infanzia in riva al Tibisco e la Germania dei lager. Nel 1962 pubblica il volume di racconti Andremo in città (nuova edizione La nave di Teseo 2021), da cui il marito Nelo Risi trae l’omonimo film. È autrice di poesia e di romanzi come Le sacre nozze (1969), Lettera alla madre (1988, nuova edizione La nave di Teseo 2021), Nuda proprietà (1993), e ancora Privato (2010), La donna dal cappotto verde (2012). Presso La nave di Teseo sono usciti La rondine sul termosifone (2017), Ti lascio dormire (2019), Il pane perduto e Tempi (2021).
Nelle sue opere ha reso testimonianza dell’evento nero del ventesimo secolo. Nella sua lunga carriera ha ricevuto diversi premi letterari ed è stata tradotta in svariate lingue. È traduttrice tra gli altri di Attila József e Miklós Radnóti. Ha sceneggiato e diretto tre film e svolto attività teatrale, televisiva e giornalistica.

* * *

© Letteratitudine – www.letteratitudine.it

LetteratitudineBlog / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Seguici su Facebook TwitterInstagram

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: